Home Regioni Abruzzo Pescara, il Concertango di Roberto Pomili Trio per ricordare Piazzolla

Pescara, il Concertango di Roberto Pomili Trio per ricordare Piazzolla

Pescara, il Concertango – Recordando a Piazzolla del Roberto Pomili Trio il 30 settembre all’Anfiteatro Cerulli di Pescara.

Pescara, il Concertango – Recordando a Piazzolla del Roberto Pomili Trio il 30 settembre all’Anfiteatro Cerulli di Pescara.

Pescara, Concertango per ricordare Astor Piazzolla

Torna a Pescara il Roberto Pomili Trio, che si esibirà sabato 30 settembre all’Anfiteatro Cerulli con il suo Concertango recordando a Piazzolla.

Astor Piazzolla è un grande autore, oramai considerato classico, amato, ascoltato, ballato e soprattutto molto eseguito. Il re del tango moderno è anche un grande affabulatore che colpisce al cuore con una raffica di note, tutte fantasticamente intense.

E il progetto del Roberto Pomili Trio vuole ricordare il maestro Piazzolla attraverso la sua musica e la danza.

Le sue atmosfere sono un’invogliante porta di ingresso, per poi sorprendere chi ascolta con armonie raffinate, ammantate di una malinconia che spinge all’ascolto del Concertango tutto d’un fiato.

Una esecuzione che conduce necessariamente mani e fianchi verso una danza sensuale ma anche verso un intenso ascolto, col fiato sospeso, oscillando tra le morbide curve di un tempo di milonga e il passo incalzante del tango.

A descrivere efficacemente il risultato è lo stesso ideatore del progetto, Roberto Pomili: “Rispecchia fedelmente e fonde insieme i tratti della melodia tanguera. Il risultato è una sorta di “tango trattato”, dalle caratteristiche spiccatamente latine per le melodie e i ritmi che lo animano, ma vincolato anche dai canoni del tango tradizionale e quindi terreno fertile per la danza”.

Nel progetto Concertango, Pomili, contrabbassista, compositore e direttore a tutto tondo e vero “musicista del mondo”, porta il meglio della sua esperienza di strumentista virtuoso, ma anche di compositore e direttore della Aio (American International Orchestra).

Questa musica Roberto ce l’ha nel sangue, per averla eseguita in infinite combinazioni, arrivando a farla sua attraverso questo crossing over anche con le armonie jazz che ben conosce e che come strumentista gli appartengono da sempre, anche per la conoscenza profonda dell’autore argentino e della sua vicenda umana e artistica che ha finito per vivere come in una sorta di identificazione.

Per esprimersi al meglio, si fa affiancare da due musicisti di eccezione, il bandoneonista Marco Gemelli e la pianista Daniele Fidanza e tre coppie di ballerini prestigiosi: Gianluca Viola e Monica Chiavarini , Michele di Conza e Debora Cornacchia infine Laura Francia e Andres Sosa, quest’ultima considerata tra le migliori ballerine d’Italia molto attiva presso il suo “Centro Studi Tango Ideal” nelle scuole di Pescara, Civitanova Marche e Ancona.

L’afflato è perfetto: grazie ai sapienti arrangiamenti, il trio giunge a una musica di notevole libertà espressiva e di grande fascino, nella quale gli echi del passato si fondono con le istanze del linguaggio musicale più moderno.

Il progetto prende anche il titolo dei due cd registrati dal maestro Pomili, il primo in trio che ha venduto oltre 10 mila copie in un anno e il secondo “Live in America” con la Aio American International Orchestra e il Grammy Award Winner Bandoneonista solista Raul Jaurena in distribuzione nei maggiori punti vendita.