Vaccino, Bassetti “Aggredito sotto casa, lo Stato intervenga”

Vaccino, Bassetti “Aggredito sotto casa, lo Stato intervenga”

31 Agosto 2021 Off Di italpress

ROMA (ITALPRESS) – «Il mio aggressore è stato denunciato direttamente dalla polizia, e anche da me: è la settantesima denuncia che presenta il mio avvocato». La dice, intervistato dal Corriere della Sera, Matteo Bassetti, direttore del reparto di Malattie infettive all’Ospedale San Martino di Genova, vittima di un’aggressione davanti al portone di casa. Racconta di essere bersaglio di aggressioni, prima attraverso i social e ora direttamente, nel mondo reale e non più virtuale. Sono cominciate “attorno a dicembre dell’anno scorso, quando si sono resi disponibili i vaccini. Io ho sempre assunto posizioni pro vax, come del resto tutti coloro che fanno il mio mestiere e le ho sempre sostenute». All’inizio si sono manifestate “con insulti e minacce di morte a me e alla mia famiglia, soprattutto sulla mia pagina Facebook. Poi con lettere anonime indirizzate al mio ospedale, successivamente con telefonate, sempre anonime, alla segreteria dell’ospedale e a mia moglie. Negli ultimi giorni, via Telegram, hanno reso pubblico il numero del mio cellulare: continuo a ricevere messaggi di insulti e minacce». «Un errore sarebbe considerarli folkloristici e personalistici: al loro interno c’è un pò di tutto. Molte di queste persone sono veri e propri delinquenti, gestiti non si capisce bene da chi: il colore politico non c’entra, a mio avviso. Lo slogan è “andare contro” e il vaccino anti Covid è l’obiettivo principale che hanno scelto. La magistratura e lo Stato, però, devono intervenire: sono fenomeni pericolosi (nel frattempo sono stati aggrediti anche due giornalisti, ndr), anche se promossi, alla fine da quattro gatti. Che hanno, purtroppo, molta visibilità».
(ITALPRESS).