35 Giornata, Serie A: che lotta per la salvezza!

35 Giornata, Serie A: che lotta per la salvezza!

10 Maggio 2021 0 Di Fabio Carolla

35 Giornata, Serie A: che lotta per la salvezza! Colpo Cagliari in casa del Benevento: 3 a 1 dei sardi. Pareggia il Toro, vince il Milan.

35 Giornata, Serie A: lotta salvezza intricata!

A campionato deciso, le ultime giornate di Serie A servono per lo più a decidere l’ultimo posto per la retrocessione. Con Parma e Crotone già matematicamente in Serie B, la 35 Giornata di Serie A si pone come la tappa necessaria per Benevento e Cagliari per capire in che campionato militeranno la prossima stagione.

È di domenica che va in scena probabilmente la gara più attesa nella parte destra della classifica. Al Vigorito di Benevento, i campani ospitano un ritrovato Cagliari sotto la guida di Semplici. La necessità di fare punti è forte da entrambe le parti; le rispettive forme, invece, sono diametralmente opposte. Da un lato un Benevento che fatica a ritrovarsi, se non completamente perso: l’ultima vittoria risale alla storica sfida all’Allianz Stadium. Dall’altro lato, i Sardi sanno solo inanellare risultati positivi ultimamente, e sono forti del pareggio agli ultimi minuti contro il Napoli.

In campo, non serve molto tempo alla squadra di Semplici per trovare il vantaggio. Sugli sviluppi di un cross, al primo minuto di gioco, Lykogiannis trova il gol dalla distanza, sorprendendo l’intera compagine giallorossa. I sanniti però non si danno per vinti e mostrano tutta la grinta per portare a casa il risultato: al 15 minuto arriva il pareggio di Lapadula, su assist di Caprari. Impeccabile poi la partita dell’attaccante naturalizzato peruviano.

Nel secondo tempo, il Benevento si fa male da solo, sotto i colpi di un Cagliari rinnovato dal cambio modulo. Il gol di Pavoletti nella ripresa non trova la risposta giusta dei giallorossi, che falliscono a trovare il secondo pareggio. Anche il caso negli ultimi minuti di gioco: un rigore, inizialmente dato dall’arbitro, è poi annullato dal Var. L’episodio è motivo di furia per tutta la società campana che a fine partita inveisce contro il direttore di gara. Forti anche le parole del presidente Vigorito, in accusa alla formazione arbitrale di “ammazzare le squadre del sud”. L’ultimo gol cagliaritano serve solo a ribadire il concetto della sconfitta.

Fallito il colpo nello scontro diretto, il Benevento può però non disperare: ci sono margini per raggiungere la salvezza, a patto di ingranare in prestazioni e risultati. Aiutano i risultati delle dirette avversarie: il Genoa perde contro il Sassuolo per 2 a 1; il Torino pareggia con l’Hellas Verona; e lo Spezia incassa una sonora sconfitta contro il Napoli, 4 a 1 per gli azzurri.

La classifica dice che ci sono 5 squadre nell’arco di cinque punti: Benevento, Cagliari, Genoa, Spezia e Torino – una partita da recuperare contro la Lazio.

Alta classifica: l’Inter continua a vincere, e l’Europa?

Dal lato sinistro della classifica, l’Inter continua a vincere e convincere nonostante la matematica vittoria del campionato. Contro la Sampdoria, i nerazzurri vanno lunghi segnandone cinque: buona la prova di Sanchez (in doppietta) e Young (fautore dell’assist per il primo gol di Gagliardini). A segno anche Lautaro su rigore, per confermare il largo punteggio.

Se lo scudetto è già deciso, è diverso il discorso per l’Europa. A contendere i rimanenti tre posti per la Champions League, ci sono quattro squadre in tre punti. Riprende posizioni il Napoli con la (facile) vittoria contro i liguri dello Spezia, che facilita anche l’altra squadra campana. In Liguria, gli azzurri scatenano la velocità esplosiva di Osimhen (in doppietta), condita dalle reti di Zielinski e Lozano.

Bene anche l’Atalanta che non lascia spazio di manovra ai ducali del Parma. Nella domenica della 35 Giornata di Serie A, l’Atalanta non si risparmia e mette in cassaforte la partita. Al 12esimo Malinovskyi, poi Pessina, doppietta di Muriel e Miranchuk nella ripresa. A nulla servono i due gol dei crociati.

Più interessante il risultato tra Juventus e Milan. A Torino, il Milan riesce nell’impresa di schiantare la Juventus: il tondo risultato di 3 a 0 fa scivolare la squadra di Pirlo fuori dalla Champions League e permette ai rossoneri di ipotecare un’eventuale qualificazione nel torneo europeo più prestigioso. Prima Diaz alla fine del primo tempo, poi Rebic e Tomori negli ultimi minuti della ripresa. In difficoltà Pirlo che richiama i giocatori alla fiducia per la maglia, da consumare in campo con sacrificio e gioco. A nulla serve la retorica però: la Juventus è chiamata a vincere se vuole risentire l’inno della Coppa dei Campioni il prossimo anno.

È comoda invece la Lazio il sabato sera. Contro la Viola, l’aquila non riesce a volare e si ferma sotto i colpi di fuoco di Vlahovic, a siglare la sua ennesima doppietta stagionale. La Fiorentina allontana i fantasmi della retrocessione; la Lazio si incupisce e perde Milinkovic-Savic nelle ultime battute del campionato. Destino opposto per la Roma, che – impegnata all’Olimpico contro il Crotone – non mette freno alla sua fame di gol: 5 gol nella ripresa mettono in ginocchio la squadra di Cosmi, già ultima in campionato e senza obiettivi possibili.

Nella 35 Giornata, la Serie A è appesa a due fili: quella dell’Europa e quella della Serie B. Nulla è certo ed i giocatori sono chiamati agli ultimi sforzi per accontentare le rispettive società.