Alla scoperta dei volti e dei colori del Nepal

Alla scoperta dei volti e dei colori del Nepal

05 Gennaio 2017 0 Di Patrizia Russo

Uno spirituale e passionale viaggio in Nepal: tra verdi risaie, bianche montagne e festival dai mille colori per incontrare un popolo gentile ed ospitale.

Nepal: un viaggio passionale e spirituale

Viaggiando in Nepal vi sorprenderà la maestosità della natura, vi colpirà la cultura millenaria dei suoi edifici e templi, sarete avvolti dalle sue tradizioni, ascolterete musiche antiche e parteciperete a colorati festival, vi perderete nel verde delle risaie, vi bloccherete davanti alle sue montagne, sarete accolti dal suo colorato, gentile e ospitale popolo che vi accompagnerà in un viaggio che è al contempo spirituale e passionale.

Seduta, in cerchio con i miei compagni di viaggio, scalza e a gambe incrociate in una tipica abitazione nepalese del villaggio medioevale di Timi nella valle di Kathmandu sorseggiando grappa e parlando con il padrone di casa e la moglie della nostra esperienza in Nepal. Questa è una delle immagini più belle di un viaggio straordinario. Si perché in Nepal, anche in un piccolo villaggio, ti senti sorprendentemente a casa!

Il Nepal ha catturato il mio cuore e ora, anche a distanza di due anni, il suo ricordo è sempre vivido e forte, come se fossi appena tornata. I paesaggi, la cultura e le facce sorridenti sono solo alcuni dei motivi per amare questo paese. Ma ce ne sono altri.

Penso che la cosa che i visitatori ricordano più del Nepal, è il suo popolo. Almeno così è per me! I sorrisi, le battute, gli sguardi incuriositi, i Namastes!

Viaggio_Nepal_Russo_Bimba Bungamati_Foto1

In questa foto una bambina del villaggio di Bungamati, cui abbiamo regalato un peluche. All’inizio è rimasta un po’ perplessa nel vedere il dono, poi dopo essersi scambiata un sorriso con il nonno lo accetta regalandoci un bellissimo sorriso e aprendo i suoi enormi occhi neri.

In alcuni villaggi, quando vedono dei turisti, in tanti escono per la strada: i bambini per ricevere qualche dono, le persone anziane perché incuriosite dai nuovi arrivati e gli altri per cercare di conversare. È facile intendersi: un Namastè pronunciato con le mani giunte poste di fronte al petto, un sorriso e … amicizia è fatta!

Molte persone sono incuriosite dalla macchina fotografica e ti chiedono di fargli una foto, alcune si mettono anche in posa, per poi rivedersi nel piccolo schermo accennando ad un sorriso timido e imbarazzato. Altri, specialmente i bambini, cercano di scorrere verso sinistra o verso destra per vedere altre foto.

Viaggio_Nepal_Russo_Signora_Foto2

Ho incontrato questa bella signora durante un trekking nelle risaie di Kirtipur. Ha preso il mio lavoro di fotografa molto sul serio, perché era tutto sorrisi e risate, mentre “parlava” con noi. Indossa un anello al naso, un ornamento tradizionale per indicare che è una donna sposata. Non le ho chiesto quanti anni avesse, ma sono certa che ha assistito al cambiamento del Nepal. La sua presenza calda e le linee della sua storia incise sul suo volto mi fanno pensare che sia così.

È impossibile parlare del mio viaggio in Nepal senza menzionare il terribile terremoto che ha spezzato l’incantesimo di un paese sorridente. Non sono mai riuscita a vedere le immagini che venivano messe in onda dai vari telegiornali … ripensavo alle persone incontrate, ai loro volti, sorrisi, gesti, all’immenso e splendido patrimonio artistico-culturale.

La guida, sotto nostra richiesta, ci ha portato nella scuola di un piccolo villaggio costruita grazie all’associazione Hanuman onlus; è stato emozionante incontrare tutti quei bambini con la loro perfetta divisa che hanno accolto i nostri piccoli doni come nessun nostro bambino accoglierebbe il tanto desiderato regalo di Natale.

Un’altra immagine che mi porto dentro è vedere questi bambini con un paio di ciabatte affrontare ogni mattina ore di cammino su sentieri sterrati, spesso sotto una pioggia torrenziale, per raggiungere la scuola più vicina al proprio villaggio.

Viaggio_Nepal_Russo_Baby Foto4In questo Paese purtroppo ancora non tutti hanno la luce elettrica o l’acqua che scorre comodamente da un rubinetto. Questa mamma lava la sua bambina in una tinozza per strada.

Il Nepal è una terra dove si impara a convivere: induismo e buddismo vengono professati liberamente e non sono divisi da muri o barriere insormontabili, spesso uno stesso tempio viene usato da entrambi i culti dando la sensazione a chi osserva che culture diverse sono capaci di far coesistere e metabolizzare elementi valoriali estranei tra loro; quel che nel resto del mondo è solo utopia in Nepal è certezza.

Bouddhanath è uno dei posti, vicino a Kathmandu, sicuramente da visitare. Ospita una grande comunità di rifugiati tibetani e alcuni monasteri buddisti tibetani. Il punto centrale è costituito da un grande e splendido stupa. Può essere un luogo ideale per sfuggire al caos delle strade di Kathmandu. Lo stupa è sempre stracolmo di gente, sia turisti, ma soprattutto locali che vanno lì a pregare. In questa foto le persone girano le ruote delle preghiere al fine di trasmettere un karma positivo.

Nepal Viaggio Russo Monastero Boudanath

Il tempio delle scimmie Swayambhunath è uno dei luoghi più iconici a Kathmandu. È arroccato su una piccola collina a ovest della città e offre una spettacolare vista sulla valle circostante. La sera è spesso inondato di luce dorata, ed è un ottimo posto per guardare il tramonto. Le scimmie sono naturalmente libere; giovani e vecchi fanno le loro preghiere.

Viaggio_Nepal_Russo_Swyambhunath_Foto6

Un posto di rara bellezza è Bhaktapur. Arrivando in questa città dalla confusione di Kathmandu sembra di essere precipitati indietro nel tempo: piccola, antica, senza macchine e con templi e palazzi che ricordano un’antica magnificenza. La bellezza di Bhaktapur non è solo costituita dalle sue tre piazze e la splendida architettura del XVII secolo, ma da un dedalo di stradine dove poter incontrare gli artigiani intenti nel loro lavoro. Molto interessante aver visto preparare la carta di riso in modo artigianale.

Nepal Bhaktapur Russo

Nepal, la rara bellezza di Bhaktapur, città dalle architetture del XVII secolo (ph. P. Russo).

Infine, se si volge uno sguardo verso l’orizzonte, la catena dell’Himalaya toglie il respiro! Le vette più alte del mondo offrono un paesaggio meraviglioso per un fotografo. Ho visto molto, ma mi sembra di aver visto poco o nulla di questo piccolo, ma affascinante Paese.

Viaggio_Nepal_Russo_Le vette degli 8000_Foto8

Nepal, vista delle montagne della catena dell’Himalaya (ph. P. Russo).

Sono sicura che tornerò per un altro di questi sorrisi molto presto.