All’Olimpico vola solo il Napoli, altri quattro squilli per la Sarri Band

All’Olimpico vola solo il Napoli, altri quattro squilli per la Sarri Band

21 Settembre 2017 0 Di Marco Martone

Gli azzurri prima soffrono poi dilagano e piegano la Lazio (4-1). Mertens regala una magìa alla Maradona. La Juventus batte la Fiorentina. Bene Milan e Roma, frena l’Inter

Ci sono volute cinque giornate ma alla fine, come molti prevedevano, la coppia di testa si è formata ed è quella scontata alla vigilia: Napoli e Juventus. Le due squadre, per ora, corrono a braccetto a punteggio pieno, dopo il mezzo passo falso dell’Inter, bloccata sul pareggio (1-1) a Bologna, grazie anche ad un rigore molto dubbio assegnato alla squadra di Spalletti e trasformato da Icardi nel finale della gara del Dall’Ara.
Ci sarà tempo perché le cose possano cambiare, certo, ma per ora i valori del campionato rispecchiano pienamente i pronostici della vigilia. Il Napoli continua a dare spettacolo, attraverso prestazioni che sembrano seguire quasi un canovaccio prestabilito. Anche con la Lazio, all’Olimpico, la squadra di Sarri ha mostrato qualche difficoltà e titubanza nel primo tempo, era già accaduto con Atalanta e Bologna. Una Lazio ben messa in campo era passata meritatamente in vantaggio con De Vrij, dopo uno spunto sulla destra di Immobile. Poi, proprio come accaduto in precedenti partite, gli azzurri hanno ritrovato verve e giocate da campioni nella ripresa. Prima Koulibaly, poi Callejon, Mertens (con un pallonetto alla Maradona) e infine Jorginho su rigore, hanno ribaltato la partita. Un 4-1 pesantissimo per la Lazio, anche sfortunata per gli infortuni a Bastos e De Vrij.
Il Napoli, dunque, vola e tiene il passo della Juventus, che ha battuto la Fiorentina (1-0) con un gol di Mandzukic. Bianconeri non proprio brillantissimi ma terribilmente efficaci e cinici, anche contro i viola, costretti tra l’altro a giocare parte della gara in inferiorità numerica.
Vince anche la Roma (0-4) contro un Benevento che dopo la goleada di Napoli, incassa un’altra sonora sconfitta. Una squadra, quella di Baroni, che sembra inadeguata per la massima categoria. Un divario tecnico tra i sanniti e le squadra di testa, che rende alcune partite poco più che un allenamento.
Nelle zone alte della classifica vince anche il Milan. Montella, però, ha avuto bisogno di ben due rigori per superare la neopromossa Spal (2-0).
Sonante vittoria per l’Atalanta (5-1 sul Crotone), mentre Torino e Sassuolo vincono entrambe in trasferta, rispettivamente contro Cagliari (0-1) e Udinese (2-3). Pareggi senza grandi emozioni tra Genoa e Chievo (1-1) e Verona-Sampdoria (0-0).