America’s Cup, Luna Rossa rimonta con la seconda regata

America’s Cup, Luna Rossa rimonta con la seconda regata

10 Marzo 2021 0 Di Nicholas Rinaldi

Non è stata la Coppa America che ci aspettavamo. Comunque la partita è tutt’altro che chiusa, la squadra è “tosta” e i numeri sono incoraggianti per Bruni & co.

I Defender sanno quello che fanno e si sono rivelati tutt’altro che poco esperti nella gestione della partenza. Ci sono dei punti di similarità nella velocità complessiva della barca ma la prima regata è andata in favore dei neozelandesi. Checco e James dovranno rivedere i loro calcoli nella gestione del pre partenza.

La barca che sta avanti ha la possibilità di gestire meglio la gara mentre chi sta dietro deve obbligatoriamente “inventarsi qualcosa” nel cercare aria migliore per ribaltare il primato in gara.

La prima regata è pertanto andata in favore dei padroni di casa che sono riusciti a mettere il muso davanti e tenerlo per tutta la regata con un vantaggio medio di circa 300 metri

Nel post regata “Checco” riconosce il fatto di non aver gestito bene la partenza e che sia necessario fare squadra ed essere positivi. Nel complesso il timoniere italiano sostiene di poter avere un entusiasmante Americas’s Cup.

1 – 0 per Emirates Team New Zeland ma “Checco” prova a nascondere l’emozione

Prima giornata di Coppa America

Gli italiani provano a gestire meglio la partenza e ci riescono sfruttando un grossolano errore dei neozelandesi. Ottima partenza per Luna Rossa che ottiene da subito un avantaggio di 70 metri. Fatto sta che se parti bene hai la possibilità di controllare l’avversario ed è più facile prendere le decisioni. Nel match race tutto ruota nel tenere l’avversario in copertura dal vento così come è avvenuto nella seconda regata.

Nella seconda regata Luna Rossa ha utilizzato un fiocco più piccolo che permette di avere una barca più agile in virata e ottenere una velocità di punta maggiore. Nel finale Luna Rossa perde molti metri a causa della scelte nell’ultimo lato di bolina.

1 – 1 La Coppa America è un affare tutt’altro che chiuso per i defender.

Ottimo lavoro per Checco e James che leggono meglio il campo di regata scegliendo un approccio più aggressivo. New Zeland non riesce a tenere il passo degli italiani dimostrando però di avere quel famoso punto in velocità che tutti ci aspettavamo. Tutto sommato è stato chiarito che Le barche si equivalgono nel complesso e che la partenza gioca un ruolo chiave.