Bancarotta, Babbo e Mamma Renzi agli arresti domiciliari. Matteo: “Io non mollo”

Bancarotta, Babbo e Mamma Renzi agli arresti domiciliari. Matteo: “Io non mollo”

19 Febbraio 2019 0 Di Marino Marquardt

Che ambientino, ragazzi! Una cerchia borderline tra politici, cacciatori di soldi, banchieri in disgrazia, bancarottieri amici di famiglia e discutibili manager. Il tutto all’ombra di cappucci, compassi e grembiulini. Non si sono fatti mancare nulla – insomma – quelli dell’ormai appassito Giglio magico. Un variegato zoo antropologico sotto il cielo della Toscana nel quale si sono incrociati politica e affari.

E’ il quadro che viene fuori dopo il chiacchiericcio dei mesi scorsi (dall’inchiesta Consip con i coinvolgimenti di Babbo Renzi e dell’ex Sottosegretario Luca Lotti ad oggi), culminati con  l’ordinanza di custodia domiciliare a carico di Tiziano Renzi e di Laura Bonovoli, genitori dell’ex premier Matteo.

La signora Bovoli è amministratore unico della Eventi 6, la storica azienda di famiglia specializzata nel settore del marketing operativo: “Organizzazione di eventi, allestimenti fieristici, stampa e distribuzione di volantini e giornali”. Le proprietarie sono le sorelle dell’ex segretario del Pd, Matilde e Benedetta e la mamma Laura che è appunto amministratore unico della società a responsabilità limitata. L’ azienda ha alle spalle 30 anni di attività, e all’ inizio se ne occupava soprattutto il papà di Matteo, Tiziano. Si chiamava inizialmente Chil promozioni srl. La Società successivamente ha assunto l’attuale denominazione di Eventi 6.

La Chil – come è noto –alla vigilia dell’elezione di Matteo alla Provincia di Firenze promosse lo stesso dirigente della Società. Una furbata per mettere a carico dell’Ente i ricchi contributi previdenziali.

E proprio sulle manovre attorno Eventi 6 e alle cooperative satelliti che i giudici hanno rivolto la propria attenzione. Una lunga indagine che ha finito col mettere nei guai i Renzi. Mamma e Babbo sono accusati di bancarotta fraudolenta e di fatturazioni false.

Matteo Renzi – pur avendo accusato il colpo – ha detto che non intende indietreggiare. Da cosa non è chiaro. Dal Pd? Dal progetto di un suo nuovo Partito? Mah! Di certo riprenderà le presentazioni del suo libro dal prossimo 22.

19/02/2019  h.13.30