Barbara D’Urso e Matteo Salvini recitano in diretta Tv l’Eterno Riposo. Over the Top of Munnezza!

Barbara D’Urso e Matteo Salvini recitano in diretta Tv l’Eterno Riposo. Over the Top of Munnezza!

30 Marzo 2020 0 Di Marino Marquardt

Istigazione al turpiloquio! Istigazione al turpiloquio verso Credenti e Non Credentti. E’ quella compiuta dallo Studio di Canale 5 durante il programma della vasciaiola Barbara D’Urso. Ieri è andata oltre la Donna che si pavoneggia nell’esibire il tesserino da giornalista e che si riempie la bocca quando si riferisce ai suoi inviati giornalisti emuli di quel Paolo Brosio dei tempi d’oro di Tangentopoli quando Emilio Fede sistemava il Malcapitato sulla strada ai margini dei binari del tram e con sullo sfondo il Tribunale di Milano

Over the top of munnezza!

In diretta Tv, con Matteo Salvini in collegamento, la D’Urso ha rivolto un pensiero alle Vittime della Pandemia. E all’unisono col Capo Politico e Religioso della Lega, i Due Arriffabili hanno recitato l’Eterno Riposo.

Avviene quando lo Spettacolo sfiora il Vilipendio Religioso e l’oltraggio del Culto dei Morti

Spettacolo indegno e di immensa tristezza. Il cattivo gusto sposa la tv del Dolore e del Culto de Defunti.

Corale lo sdegno e la riprovazione da parte degli Esponenti del Mondo della Cultura, degli Intellettuali e dei  Politici.

Non ci sono parole. Ragli, Oltraggio e non Preghiera. Bene l’epitaffio di Selvaggia Lucarelli: “E con questi due che recitano insieme l’Eterno riposo in tv, abbiamo visto tutto. Chiedo scusa ai morti”.

Ps. “Sopra le Righe”, è il nuovo spazio che mi offre il privilegio di potermi esprimere in prima persona su fatti non necessariamente legati alla quotidianità. Uno spazio eretico in cui le opinioni del sottoscritto talvolta non appariranno coerenti con la linea editoriale di Italia Notizie 24. Voltaire docet…

Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola.

30/03/2020   h.13.00