Fincantieri, incarico da Carnival per 5 navi

Fincantieri, incarico da Carnival per 5 navi

04 Aprile 2016 0 Di Pietro Nigro

Fincantieri costruirà cinque nuove navi che il gruppo Carnival utilizzerà in Asia ed Australia, i mercati più promettenti del mondo. L?accordo firmato oggi rafforza la collaborazione strategica tra il cantiere e il leader mondiale dei viaggi di piacere e delle crociere.

Fincantieri costruirà 5 navi per Carnival

Fincantieri costruirà altre 5 navi da crociera per Carnival Corporation, la più grande società di viaggi di piacere al mondo. L’accordo prevede la costruzione e la consegna tra il 2019 e il 2020 di due nuove navi per Costa Asia, due navi per Princess Cruises e una per P & O Cruises Australia. I contratti sono stati firmati nello stabilimento di Marghera, nel corso della cerimonia di consegna alla Holland America Line di un’altra nave realizzata dal cantiere italiano, la Koningdam (nella foto grande), alla presenza del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, del presidente e del Ceo della Carnival Corporation Micky ArisonArnold Donald e dell’amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono.

Fincantieri Carnival

I rappresentanti del gruppo Carnival e della Fincantieri che hanno firmato l’accordo insieme al ministro delle Infrastrutture Delrio (ph. Carnival)

Le nuove navi da costruire per Costa in Asia e P & O Cruises Australia avranno una stazza di 135,5 tonnellate, con la capacità di trasportare 4.200 passeggeri. Le altre due, da 143.700 tonnellate e 3.560 passeggeri, sono destinate invece a Princess Cruises. Le nuove navi saranno specificamente progettate e realizzate per rispondere agli standard di ciascun marchio, e saranno costruite presso i cantieri navali Fincantieri a Monfalcone e Marghera.

Intanto, Carnival Corporation ha preso in consegna le sue due nuove navi, Aidaprima per Aida Cruises e Koningsdam per Holland America Line, che insieme alle 5 annunciate oggi fanno parte della flotta di ben 16 nuove navi che il gruppo acquisirà tra quest’anno e il 2020.

L’arrivo della nuova nave e la firma dei nuovi accordi ha reso questa giornata particolarmente emozionante per la nostra azienda, per i nostri partner e per i nostri ospiti – ha detto Arnold Donald – Sostenendoci nel nostro sforzo di superare le aspettative dei clienti in ogni crociera, queste nuove navi offriranno un livello di eccitazione ed esperienze che i nostri ospiti non solo ricorderanno per il resto della loro vita, ma che condivideranno anche con altri”.

La strategia del gruppo, è stato detto oggi, è di una “crescita misurata”, che prevede la graduale sostituzione delle navi meno efficienti con altre nuove, più grandi e più efficienti.

La collaborazione protratta nel tempo tra Fincantieri e Carnival, ha detto invece Giuseppe Bono, premia l’impegno per l’eccellenza nella diversificazione dei prodotti, e viene ulteriormente rafforzata da un accordo strategico senza precedenti.

Le nuove navi Costa Crociere Asia, con un nuovo design della linea di galleggiamento, testimonieranno dentro e fuori bordo lo stile italiano del brand, con il suo portato simbolico di ospitalità e di eccellenza culinaria, e serviranno a rafforzare la leadership e il posizionamento di Costa nel promettente mercato asiatico, e cinese in particolare.

A sua volta, la nave della P & O Cruises Australia, la prima nave di nuova costruzione del marchio, sarà progettata per catturare l’essenza dell’Australia moderna e sarà quella con la maggiore capacità di trasporto della flotta, 4.200 passeggeri. Una volta varata, la nuova nave entrerà a far parte di una flotta in via di ampliamento, grazie all’aggiunta della Pacific Aria e della Pacifico Eden avvenuta nel novembre 2015, e della Pacific Explorer, capace d 2.000 passeggeri, che avverrà invece nel 2017. L’Australia è uno dei mercati in più rapida crescita nel mondo, con un tasso medio annuo di crescita dei passeggeri del 20 per cento negli ultimi dieci anni, e l’ampliamento della flotta P & O Cruises Australia punta proprio ad intercettare quella crescita.