Attentato alla metro di New York, terrorista ferito nell’esplosione

Attentato alla metro di New York, terrorista ferito nell’esplosione

11 Dicembre 2017 0 Di Pietro Nigro

Torna la paura a New York: una bomba è esplosa nel terminal metro della Port authority. Preso un uomo rimasto ferito nell’esplosione.

Attentato a New York, bomba nella metro

Torna il terrore a New York. Un’esplosione avvenuta in un condotto della metro che dalla stazione di Times Square conduce al bus terminal ha scosso questa mattina l’Autorità Portuale di New York, uno dei centri di smistamento più frequentati della città nel centro di Manhattan, nel pieno dell’ora di punta del lunedì mattina.

E la polizia ha messo in stato di fermo una persona, rimasta ferita nell’esplosione e che si ritiene sia l’autore dell’attentato. L’uomo infatti è stato trovato con un giubbotto esplosivo.

Intorno alle 7.45, ora locale, una esplosione è avvenuta, a quanto pare, in uno dei condotti della metropolitana,alla confluenza delle linee A, C e D, proprio sotto il terminal bus più grande di tutti gli Usa. Si tratta di uno snodo essenziale per i trasporti della metropoli, frequentato ogni giorno da 230 mila persone.

Secondo le prime ipotesi l’esplosione sarebbe avvenuta da qualche parte nei sotterranei della metropolitana, e sarebbe stata provocata da una bomba, che però non è stata ancora trovata.

Almeno quattro persone, tra cui anche un poliziotto, secondo l’ultimo bollettino delle autorità, sarebbero rimaste ferite nell’esplosione.

Tra loro, anche un giovane bengalese, Akayed Ullah, l’uomo che avrebbe provocato l’esplosione con una bomba rudimentale fissata ad un giubbotto e sarebbe rimasto coinvolto nello scoppio.

L’uomo, di circa vent’anni, e residente negli Usa da sette anni, risulta aver lavorato come tassista nella Grande Mela ed ha dichiarato all’Fbi di aver voluto vendicare il suo Paese.

Sembra che ci sia anche una seconda persona coinvolta nell’attentato e fermata nel tunnel della metropolitana perché trovata in possesso di un altro ordigno.

Il sindaco di New York Bill de Blasio, il governatore Andrew Cuomo e il presidente Donald Trump sono stati informati dell’incidente.

Nel corso di una conferenza stampa congiunta, il sindaco di New York Bill de Blasio ha parlato apertamente di un “tentato attacco terroristico”. Nella stessa conferenza stampa, Cuomo ha ricordato i precedenti attentati ed ha detto: “Non dobbiamo mai dimenticare che siamo per forza di cose nel mirino”. Anche se, questa volta, tutti tirano un sospiro di sollievo perché avrebbe potuto andare molto, ma molto peggio.