Canone Rai, entro domani la richiesta di esonero

Canone Rai, entro domani la richiesta di esonero

30 Gennaio 2017 0 Di ItaliaNotizie24

Per non pagare il canone Rai, chi non possiede un apparecchio radio o tv deve comunicarlo entro il 31 gennaio 2017 utilizzano il modulo messo a disposizione sul sito dell’Agenzia per le entrate. 

Canone Rai, ecco come non si paga nel 2017

Da quando è stato inserito nella bolletta dell’energia elettrica, il canone Rai viene pagato “automaticamente”, per il presupposto che chi ha energia elettrica in casa usa anche una radio o un televisore. Chi invece non possiede tali apparecchi, ha di conseguenza l’onere di attivarsi per ottenere un esonero e non pagare ingiustamente il canone Rai. Per farlo, occorre una autodichiarazione da comunicare entro domani, 31 gennaio 2017.

Questa dichiarazione vale solo per non pagare il canone nel 2017, e va rinnovata anno per anno.

Normalmente, la legge presume che chi ha un’utenza elettrica di tipo residenziale all’indirizzo in cui ha la residenza paga il canone Rai in dieci rate, ciascuna di 9 euro, pagando quindi 90 euro. E chi attiva un’utenza nel corso dell’anno paga un numero di rate che varia proprio in funzione del periodo di attivazione.

Chi invece ha un’utenza elettrica residenziale, ma non possiede apparecchi radio e tv, e non vuole quindi pagare la tassa, deve andare sul sito di Agenzia delle entrate, nella pagina che contiene tutti i moduli relativi al Canone Rai, scaricare il modello di dichiarazione sostitutiva, compilare il quadro A e inviare il modulo entro il 31 gennaio 2017.

Sarà possibile inviare il modulo anche dal 1 febbraio al 30 giugno 2017, ma in quel caso si è esonerati dal pagamento del canone Rai solo per il secondo semestre dell’anno in corso.

C’è poi il caso di diverse utenze che fanno capo alla stessa persona, o meglio allo stesso codice fiscale. In questo caso il canone Rai viene addebitato su una sola utenza, e quindi si paga una sola volta per tutti i componenti del nucleo familiare e per tutti gli apparecchi posseduti sia nella casa di residenza sia in quelle in cui eventualmente si può dimorare per le vacanze.

Nel caso in cui chi è intestatario di una utenza elettrica rientra però nel nucleo familiare di un’altra persona che a sua volta paga il canone su un’altra fornitura può chiedere l’esonero. In questo caso, però, si deve utilizzare il quadro B del modello di dichiarazione sostitutiva pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

In questo caso la dichiarazione può essere inoltrata in qualsiasi momento dell’anno, ha effetto dal 1° gennaio dell’anno di presentazione e non deve essere ripresentata annualmente, salvo il caso in cui vengano meno i presupposti precedentemente dichiarati.

La dichiarazione sostitutiva può essere presentata anche in uno dei seguenti modi:

  • via web attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate, a cui si può accedere con le credenziali Entratel o Fisconline,
  • attraverso intermediari abilitati delegati (ad esempio Caf o professionisti)
  • oppure tramite raccomandata semplice all’indirizzo Agenzia delle Entrate, Direzione Provinciale 1 di Torino, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello Abbonamenti TV – casella postale 22 – 10121 Torino, allegando alla dichiarazione anche la copia di un documento di identità valido.