Capigruppo, la Morgue del Nazareno sceglie Del Rio e Marcucci

Capigruppo, la Morgue del Nazareno sceglie Del Rio e Marcucci

27 Marzo 2018 0 Di Marino Marquardt

Elezione dei capigruppo di Camera e Senato, Matteo Renz non vuole mollare lo scettro del comando e fa eleggere due fedelissimi.

Capigruppo, il Ragazzo di Rignano impone due zombie per le consultazioni al Quirinale

Il Ragazzo di Rignano dunque non vuole mollare lo scettro del comando. Infantilmente fa i capricci con i suoi fedelissimi (non si sa ancora per quanto tempo), condanna il Pd alla irrilevanza politica e parlamentare e si crogiola nel fare capannelli nell’Aula del Senato.

E’ proprio vero, chi nasce tondo non può morire quadro e viceversa.

Ed è accaduto così che – anche grazie all’insipienza degli avversari interni – dalla morgue del Nazareno siano usciti i due zombie di gradimento dell’ex Capo Scout da sistemare alla guida dei Gruppi Pd di Camera e Senato.

Si tratta del disciplinato e del sempre avaro di sorrisi Graziano Del Rio e del fedelissimo Andrea Marcucci, toscano doc.

 

Voleva gente fidata, il Ragazzo. Gente di cui potersi fidare ciecamente durante le consultazioni al Quirinale, gente rispettosa del distruttivo piano renziano rivolto contro la Casa comune chiamata Pd. Nerone, insomma, al suo cospetto non sarebbe stato nessuno!

 

Lo stesso rito è stato celebrato anche dalle altre forze politiche.

Brutta aria in Forza Italia, elette Gelmini e Bernini

Brutta aria in Forza Italia. Maquillage e toupet non riescono più a coprire i lividi e l’amarezza del Frodatore di Arcore. Partito a rischio erosione in seguito all’età del Capo non più in grado di assicurare un futuro certo ai suoi fedelissimi a causa della spietata Legge del Tempo, c’è già chi strizza l’occhio a Matteo Salvini.

In questo crepuscolare scenario Maria Stella Gelmini e Anna Maria Bernini hanno rispettivamente sostituito i risentiti Paolo Romani e Renato Brunetta alla guida dei gruppi del Senato e della Camera

 

Inutile dire che – al di là degli sforzi nell’apparire sicuri di sé – Silvio e Matteuccio ormai sembrano malridotti zombie della politica. Il voto del 4 marzo per loro è stato peggio dell’aglio per i vampiri.

 

Nessun problema per la scelta dei capigruppo Cinquestelle: Danilo Toninelli guiderà la squadra del Senato, Giulia Grillo guiderà le operazioni alla Camera.

Nessuna sorpresa per Fratelli d’Italia. Fabio Rampelli guiderà il Gruppo della Camera.

Infine nessun colpo di scena neanche nella Lega. Eletto come annunciato Giancarlo Giorgetti alla Camera.

Loredana De Petris guiderà il Gruppo Misto.

 

Scomparsi dai radar gli uomini di Leu, gli interpreti della nuova Sinistra abortita nelle urne. Nessuno è in pena per il loro destino…