Home Economia cryptovalute Capire Iota: ecco il parere dell’esperto Stefano Della Valle

Capire Iota: ecco il parere dell’esperto Stefano Della Valle

391
0
Iota Token

Rieccoci qui a cercare di capire IOTA, la più valida cryptovaluta alternativa a Bitcoin, con l’aiuto di un esperto che vediamo di conoscere meglio: Stefano Della Valle.

I vantaggi di Iota: parla Stefano Della Valle, Iota Evangelist Network

Stefano Della Valle, Iota Evangelist Network.
Stefano Della Valle, Iota Evangelist Network.

Stefano Della Valle ha studiato informatica a Milano. La sua prima esperienza di lavoro è stata presso i laboratori di ricerca e sviluppo dalla ST Microelectronics. Successivamente è entrato in Cedborsa dove ha collaborato allo sviluppo al primo mercato automatico di trading italiano. Nella sua lunga carriera, ha ricoperto ruoli tecnici chiave per British Telecom, Responsabile per l’offerta di servizi in Dell e CTO per un operatore TLC locale dove ha realizzato una Metropolitan Area Network nel distretto industriale vicino a Milano. Ha poi lavorato come responsabile vendite della divisione italiana di Vidyo, società IT con sede nel New Jersey, È attualmente VP Vendite e Marketing per una delle società del Gruppo ITWAY specializzata in IOT e progetti innovativi. Stefano anche membro dell’IEN e sta supportando diversi progetti focalizzati sul DLT e tecnologia crypto. Per chi volesse approfondire gli steps e la carriera del nostro esperto, potete trovare tutto sul suo profilo Linkedin.

Cosa rappresenta IEN, e qual è il tuo ruolo al suo interno?

“IEN è l’acronimo di IOTA Evangelist Network. È una associazione senza scopo di lucro che raggruppa persone di tutto il mondo che hanno approfondito le caratteristiche di IOTA, hanno deciso di usarla nel loro lavoro e di condividere nelle loro cerchie relazionali le molteplici novità che questa piattaforma crypto offre per il business e in particolare per i progetti IoT. Io sono entrato in IEN da circa 3 mesi, dopo più di un anno di studio di IOTA.

Sono un divulgatore come tutti gli altri e in più faccio parte del sottogruppo di selezionatori che valuta le richieste di adesione. Uno dei miei compiti, che svolgo con molto piacere, è organizzare eventi pubblici o privati dove poter approfondire come IOTA possa portare benefici a industrie grandi e piccole, portando anche esempi provenienti dalle attività degli altri membri internazionali di IEN”. Inoltre è strettamente collegata alla Fondazione IOTA, infatti è in IEN anche Wilfried Pimenta de Miranda, membro della Fondazione IOTA e responsabile del business development.

Visto il tuo curriculum, immagino tu sia di base a Milano. Qual è il prossimo evento pubblico in programma per la divulgazione di IOTA?

il primo appuntamento è il Milano Crypto Summit, in programma il 10 luglio a Palazzo Clerici a Milano, a cui è possibile iscriversi attraverso la pagina web dell’evento.

A quanto vedo una vera e propria full-immersion nel mondo crypto, a cui siamo tutti invitati. Ma torniamo a noi e veniamo ad una domanda un po’ più tecnica: immagino tu sia d’accordo con me che nel prossimo futuro, parlando di Distribuited Ledger Tecnology (DLT), ci sia spazio sia per la blockchain di bitcoin sia per il Tangle di IOTA, che abbiamo imparato a conoscere con i precedenti due articoli (disponibili qui e qui). Ma fra tutte le differenze tra le due tecnologie, a tuo avviso qual è quella più importante? Quella che forse ti ha spinto ad essere un vero e proprio “evangelista di IOTA”, piuttosto che un massimalista bitcoin?

Rispondo in due tempi. Prima vediamo quali sono i limiti che io (ma ormai anche i massimalisti di bitcoin) vedo nella blockchain. Il problema principale è che il blocco è una risorsa scarsa. Viene creato ogni n minuti (e per vari motivi questo intervallo non si più ridurre più di tanto) e pertanto gli utenti che vogliono eseguire una transazione sono in competizione per usare questa risorsa (che non può contenere infinite transazioni).

Ciò comporta che se la blockchain venisse usata per supportare servizi che richiedono la creazione di molte transazioni, alcuni utenti disposti a spendere di più verrebbero gestiti prima di altri. Questo non è un modello operativo adatto a supportare la maggior parte dei servizi oggi basati su sistemi centralizzati che vengono invece dimensionati per soddisfare tutti gli utenti allo stesso modo. Pensare quindi di spostare servizi tradizionali su sistemi distribuiti con questo limite è un po’ utopico.

Passando a IOTA, il nuovo sistema, che può essere approfondito a questa pagina specifica https://www.iota.org/get-started/what-is-iota, presenta ovviamente ancora margini per possibili ottimizzazioni e migliorie, come ogni sistema tecnologico. Ma il punto di forza che io vedo più rilevante è la possibilità di gestire il proprio nodo ed essere quindi parte attiva della rete.

Il costo che ne deriva è minimo, ma permette di ottenere importanti vantaggi: a fronte di costi certi (il costo per gestire i miei nodi), ottengo prestazioni definite dalla capacità elaborativa dei nodi stessi e affidabilità certa (basta avere un paio di nodi in siti distanti e il sistema diventa più che affidabile). 

Si tratta di caratteristiche che, unite all’assenza di fee, permettono lo spostamento di un servizio su questa piattaforma con minimi sforzi e ottenendo come minimo dei risparmi significativi. Ad esempio, si riduce il rischio di attacco hacker ai server e si può limitare l’impegno, normalmente elevato, necessario per proteggere un sistema centralizzato.

Abbiamo capito un po’ meglio i vantaggi di questa nuovo tipo di DLT, e, nel corso della prossima puntata, in nostro esperto Stefano Della Valle ci farà un esempio pratico di applicazione di IoT utilizzando proprio IOTA ed il suo Tangle.

Nel frattempo non esitate ad aprire una discussione, lasciare un commento o a chiedere qualora aveste qualche dubbio in merito a quello che avete letto e, ricordo inoltre che, per partecipare attivamente alle attività di mining del bitcoin, è possibile iscriversi gratuitamente al mio gruppo di miners, a questo link: http://bitclub.network/deepblu69.

Coloro invece che volessero avere una prima consulenza generale e gratuita, possono iscriversi gratuitamente al mio gruppo meetup di Padova al seguente link: https://www.meetup.com/it-IT/Meetup-Bitcoin-Miner-Padova/events/251071044/.