Carta d’identità elettronica anche per gli Expat in Regno Unito

Carta d’identità elettronica anche per gli Expat in Regno Unito

21 Gennaio 2021 0 Di Rebecca Faioni

Dal 18 gennaio Carta d’identità elettronica anche per gli Expat italiani nel Regno Unito. Il console Villani: Ecco chi può richiederla.

Dal 18 gennaio Carta d’identità elettronica anche per gli Expat nel Regno Unito

Carta di identità elettronica (CIE) anche per i cittadini italiani residenti in Regno Unito, che potranno richiederla a partire dal 18 gennaio 2021.

Il nuovo documento sostituisce quello cartaceo, che andrà progressivamente in pensione e che già dal 14 dicembre 2020 non può più essere richiesto.

Lo annuncia il Consolato Generale d’Italia a Londra, che già dal 10 dicembre 2020 permette la prenotazione di appuntamenti presso gli uffici di Farringdon street.

Il processo di richiesta è semplice. In caso di furto, smarrimento, deterioramento, o a 6 mesi dalla scadenza della propria carta identificativa, gli iscritti all’AIRE possono richiedere la carta di identità in formato elettronico.

È sufficiente prenotare un appuntamento tramite il servizio digitale “prenota online” e presentarsi al Consolato Generale con la documentazione richiesta per procedere al rilievo delle impronte digitali.

La carta sarà poi inviata direttamente a casa del cittadino all’indirizzo indicato nella richiesta.

A spiegarci meglio di cosa si tratta e quali sono le procedure da seguire è il Console Generale Marco Villani, che abbiamo incontrato in occasione dell’inaugurazione del processo di rilascio.

Console Villani, quali sono gli step per richiedere la carta elettronica?

Per prima cosa, bisogna prenotare un appuntamento attraverso il sistema “prenota online” accessibile dal nostro sito web, così da procedere alla registrazione.

Una volta preso l’appuntamento, si verrà in Consolato per la raccolta delle impronte digitali.

Queste verranno poi processate, inviate a Roma all’ufficio Poligrafico e Zecca dello Stato, che a sua volta spedirà via posta la carta elettronica direttamente all’indirizzo dell’utente. Il tutto avverrà in un tempo di circa due o tre settimane.

Quali sono i requisiti da soddisfare per richiedere la Carta d’identità digitale?

Per i connazionali residenti nella nostra circoscrizione consolare di Londra, e dunque in Inghilterra o Galles, occorre essere iscritti all’AIRE, cioè all’Anagrafe degli Italiani residenti all’estero.

Priorità poi a chi non è già in possesso di una carta di identità valida. Chi non ha già il documento di identità cartaceo, o si ritrova senza alcun documento, può avere accesso alla carta di identità elettronica.

Quanti italiani ci si aspetta accederanno al servizio nel prossimo futuro?

Ci aspettiamo che ci sia un’alta richiesta considerando il numero degli italiani residenti: ad oggi si contano infatti 425.000 iscritti all’Anagrafe  consolare.

E poi quello della carta di identità elettronica è un servizio aggiuntivo a quello dei passaporti, per cui chiaramente ci sarà la possibilità di avere sia il passaporto che la carta di identità elettronica.

Naturalmente il servizio sarà implementato anche a seconda delle richieste che avremo.

Quanti sono i consolati ad offrire il servizio di carta di identità in formato elettronico?

Sono praticamente tutti quelli della rete diplomatico-consolare italiana nell’Unione Europea.

Questo servizio probabilmente verrà esteso anche ad altri consolati, al di là dell’Unione Europea, ma al momento sono prevalentemente questi.

Diciamo che Londra chiude il cerchio con questo programma organizzato dal Ministero degli Affari Esteri e dalla Direzione Generale degli italiani all’estero che ha fortemente voluto il servizio anche per i nostri concittadini all’estero.

Quale differenza c’è e ci sarà tra carta di identità elettronica, cartacea e passaporto per entrare in Regno Unito?

Con l’avvio della Brexit la carta di identità sarà valida per entrare in questo paese soltanto per coloro che avranno già ottenuto il pre-settled o il settled status; e resterà valida fino al 31 dicembre del 2025.

Ad oggi per tutti coloro che non hanno questo status e quindi che non sono residenti qui nel Regno Unito la carta d’identità quale documento di viaggio sarà accettata  fino a ottobre 2022. Dopo tale data sarà valido soltanto il passaporto.