Caserta, spari contro l’auto del giornalista Mario De Michele

Caserta, spari contro l’auto del giornalista Mario De Michele

15 Novembre 2019 0 Di Redazione In24

Il giornalista casertano Mario De Michele, direttore di Campanianotizie.com, ha sporto denuncia ai carabinieri: ignoti gli hanno sparato contro dieci proiettili ad altezza d’uomo.

Spari contro il direttore di Campania Notizie

Agguato intimidatorio contro Mauro Di Michele, direttore di Campania Notizie. A denunciarlo, lo stesso giornalista, che ha sporto una denuncia ai carabinieri. Si teme che lo scopo dell’agguato sia di intimidire il direttore del sito per le inchieste che sta portando avanti sulla camorra nel casertano. Immediate sono scattate le dichiarazioni di solidarietà di Ordine, Sindacato e di diversi esponenti politici.

Secondo quanto riportato sul sito, l’agguato sarebbe avvenuto ieri pomeriggio, in una zona periferica di Gricignano d’Aversa. Il giornalista Mario De Michele, mentre si trovava in auto, è stato avvicinato da sconosciuti che hanno esploso nella sua direzione 6-7 colpi di pistola, uno dei quali ha infranto il parabrezza, e si è conficcato a pochi centimetri dal posto di guida. Alcuni proiettili hanno anche infranto il lunotto posteriore. “Solo il caso ha fatto sì che ne uscisse illeso”.

Già qualche giorno fa, De Michele aveva denunciato un’altra aggressione ai suoi danni. Mentre si trovava tra Sant’Aprino e Succivo, ancora nel Casertano, il giornalista era stato avvicinato ancora da sconosciuti, a volto coperto, che gli avevano intimato di scendere dall’auto.

Mentre uno colpiva la vettura con una mazza, l’altro lo insultava e lo schiaffeggiava. Stando a quanto si apprende, uno dei due malviventi avrebbe dato la colpa a De Michele dello scioglimento del Comune di Orta di Atella, commissariato per infiltrazioni camorristiche.

Su entrambi gli accadimenti indagano i carabinieri della compagnia di Aversa. L’Ordine dei giornalisti della Campania ha espresso la sua solidarietà nei confronti di Mario De Michele.

Solidarietà dall’Ordine e dal Sindacato Giornalisti

La notizia dewll’agguato a De Michele si è diffusa nel corso della giornata ed ha provocato indignazione sia nel mondo della professione che in quello della politica.

“Si tratta di un episodio di una gravità inaudita che dimostra come il Casertano sia una zona ad altissima densità criminale” hanno scritto in una nota i vertici di Fnsi (Federazione Nazionale della Stampa), Sugc (Sindacato Unitario Giornalisti della Campania) e il presidente dell’Unci Campania, Sandro Ruotolo.

“Sono stati dieci i proiettili esplosi ad altezza d’uomo, quindi per uccidere” scrivono in una nota i vertici di Fnsi, Sugc e il presidente dell’Unci Campania, Sandro Ruotolo. “Chiediamo alla magistratura – proseguono – che si indaghi in ogni direzione per chiarire quanto accaduto. Al collega, al quale siamo vicini in questo momento difficile, va garantita la massima tutela per l’incolumità sua e di chi gli è vicino. Sappiamo che la Prefettura di Caserta si è già attivata. Il dovere dei giornalisti adesso è quello di non lasciarlo solo e di andare ad illuminare le storie che stava raccontando. Dobbiamo essere la sua scorta mediatica. Tra l’altro, l’agguato è l’ultima e più grave aggressione subita dal direttore di Campanianotizie. Solo lunedì scorso il cronista fu fermato a Sant’Arpino da due persone che lo hanno minacciato e schiaffeggiato per quello che aveva scritto su Orta di Atella, la sua auto fu colpita ripetutamente con una mazza ferrata”.

Un fermo messaggio di solidarietà è stato diffuso anche dal presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli, che ha invocato provvedimenti di sicurezza per la vita del giornalista. “Hanno sparato per uccidere e fortunatamente non ci sono riusciti. Mario De Michele, direttore di Campania Notizie è scampato ad un agguato in piena regola. Ieri sera, nel casertano, due persone si sono affiancate alla sua auto mentre lui era a bordo ed hanno esploso svariati colpi di pistola molti dei quali hanno centrato la vettura. Nei giorni scorsi aveva denunciato aggressioni ed intimidazioni. Si tratta di un pericoloso salto di qualità nelle aggressioni contro i giornalisti. De Michele da tempo si occupa delle infiltrazioni camorristiche nell’area del casertano. Chiediamo alle autorità competenti l’immediata protezione per il collega.”

“Esprimo a nome di tutto il Partito Democratico massima solidarietà e vicinanza al giornalista Mario De Michele, – ha scritto in una nota Nicola Oddati, deputato campano e membro della Segreteria nazionale del Pd – vittima di un terribile agguato in cui addirittura è stato raggiunto da diversi colpi di arma da fuoco, fortunatamente senza irreparabili conseguenze. Si tratta di un fatto inaudito e gravissimo nei confronti di chi ogni giorno  si espone a tal punto da rischiare la propria vita, come in questo caso, per dare conto di quanto avviene intorno a noi. Certi che la magistratura farà chiarezza su quanto avvenuto, assicurando i responsabili alla giustizia, noi saremo sempre al fianco dell’informazione  libera e non indietreggeremo mai di fronte a queste intimidazioni. A De Michele e alla sua famiglia rinnoviamo tutta la nostra solidarietà”.