Cinquestelle senza bussola e in piena crisi di identità. Pagano lo scotto “Nè di Destra né di Sinistra”

Cinquestelle senza bussola e in piena crisi di identità. Pagano lo scotto “Nè di Destra né di Sinistra”

02 Gennaio 2020 0 Di Marino Marquardt

“Paragone è più Grillino di tanti altri che si ritengono tali”. Alessandro Di Battista dixit.

E’ una affermazione opinabile, fondata su una astrazione. Già, perché cosa significa oggi essere Grillino? Cosa è il Grillismo oggi al di là dei Vaffanculo Urbi et Orbi

Non c’è risposta agli interrogativi appena esposti. E probabilmente neanche il Prode Di Battista saprebbe trovare convincenti argomentazioni per spiegare il valore e il limite dell’Essere Grillino.

Ergo – detto papale papale – i Grillini sono sanno cosa significhi esser tali.

E non poteva essere diversamente in assenza di una ben definita scala di valori e in presenza di un dogma quale onestà, principio non assoluto se riferito all’esclusivo rispetto di Leggi fatte da Uomini che si definiscono Politici, gli Stessi che talvolta si rivelano Puri Esecutori nelle vesti di lacché.

Tante Leggi sono infatti sbagliate, ingiuste, scritte per favorire Amici Potenti. Leggi ripugnanti sotto il profilo etico.

L’Onestà ossequiosa delle Leggi ma non accompagnata da principi etici è dunque ben poca cosa. E la sua sbandierata sacralità appare vulnerabile rispetto al mutare delle stesse Leggi.

Per non dire poi  dell’ingannevole Comandamento “Né di Destra né di Sinistra”. Una sciocchezza sesquipedale. Tutte le Persone sono infatti di Destra o di Sinistra. Per predisposizione genetica, innanzitutto. E ciò a prescindere dall’Autore de Il Capitale, Karl Marx, o da Alfred Rosenberg, l’ideologo Nazista.

Empatia, Indifferenza, Altruismo, Egoismo, Generosità e Avarizia sono infatti gli elementi dell’animo umano che costituiscono gli ingredienti del brodo primordiale della Destra e della Sinistra. Rivolgersi agli Studiosi di Scienze Umane per conferma.

Detto ciò, affermano un’altra sciocchezza Quanti tra i Pentastellati sostengono che contino le Idee – buone o cattive – e che l’essere di Destra o Sinistra non sia affar loro. Ciò che contano – ripetono all’infinito il refrain – sono soltanto le Idee che possono essere buone o cattive…

Già, Idee Buone o Cattive…

Ma dalla sbandierata posizione neutrale (né di Destra né di Sinistra ndr) quale metro di valore sarà necessario adottare per stabilire la bontà o la nequizia delle Idee? Volenti o nolenti i Sacerdoti delle Idee dovranno adottare scelte di Destra o di Sinistra.

E’ il cane che si morde la coda ritenendo che non fosse sua…

Per farla in breve, i Cinquestelle sono in piena crisi di identità. E -visti i chiari di luna – un po’ di Filosofia farebbe Loro bene per aiutarli a superare il Vuoto Dogmatico nel quale annaspano.

Ps. Avviso agli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dalla scrittura corrente sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola. Amen!

 

02/01/2020   h.20.15