Coldiretti: Troppo import di cibi a rischio

Coldiretti: Troppo import di cibi a rischio

20 Aprile 2016 0 Di Marco Martone

Coldiretti e le “Re/agioni del cuore”: Ecco la black list dei prodotti che arrivano dall’estero e che non sempre sono genuini.

Allarme di Coldiretti: ecco la black list dei cibi che arrivano dall’estero

Più attenzione ai prodotti che vengono dall’estero, perché non tutti sono sani e genuini. Guai a generare panico infondato su quanto regala ai consumatori il territorio del Mezzogiorno e della Campania in particolare. Sono questi i due elementi fondamentali emersi a Napoli, nell’ambito del Tour 2016 “Le Re/agioni del cuore”, evento promosso dalla Coldiretti in Viale Giochi del Mediterraneo e che ha visto la partecipazione di migliaia di produttori e dipendenti di aziende della Campania e del Molise.
Nel corso della manifestazione, svoltasi all’interno del Palabarbuto, Coldiretti ha denunciato la presenza di una vera e propria black list di prodotti provenienti dall’estero, tra cui i broccoli della Cina, il prezzemolo del Vietnam e il basilico dall’India, risultati nocivi per la salute.

E non è tutto!

Tra i cibi da evitare, che arrivano sul mercato anche per le agevolazioni concesse dall’Unione europea, figurano anche le melagrane, le fragole e le arance dall’Egitto.

Lo studio è stato realizzato dalla Coldiretti, grazie alle analisi condotte dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa).

Per quanto riguarda i broccoli cinesi, il 92% del campione è risultato irregolare, così come il 78% del prezzemolo del Vietnam e il basilico dall’India, che registra 6 casi su 10 fuori norma.

La manifestazione si è svolta nel quartiere dove visse per 40 anni lo scienziato del Minnesota Ancel Key che per primo ha evidenziato gli effetti benefici della dieta mediterranea.

Con il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo e l’intera giunta nazionale sono giunti a Napoli ospiti istituzionali tra i quali il Governatore della Campania Vincenzo De Luca, il Governatore del Molise Paolo Di Laura Frattura, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

Già in occasione di Expo 2015 abbiamo ribaltato l’immagine distorta dei prodotti della Campania, creata attraverso una campagna di diffamazione che aveva chiari intenti di guerra commerciale – ha detto il presidente della Regione Campania De Luca– Oggi la nostra regione è la più monitorata d’Italia e i prodotti dei nostri territori sono di assoluta eccellenza”.