Compie un anno l’enciclica ambientalista di Papa Francesco

Compie un anno l’enciclica ambientalista di Papa Francesco

20 Giugno 2016 0 Di Andrea Fontana

E’ già passato un anno dalla diffusione dell’ultima enciclica papale, la Laudato sì. In molti si sarebbero aspettati una maggiore attenzione da parte del mondo cattolico e dei mass media. Evidentemente quando si toccano temi scottanti come finanza ed equità perfino il Papa fatica a farsi ascoltare…

Un anno fa l’enciclica ambientalista di Papa Francesco

E’ già passato un anno dalla diffusione dell’ultima enciclica papale, la Laudato sì. In molti si sarebbero aspettati una maggiore attenzione da parte del mondo cattolico e dei mass media. Evidentemente quando si toccano temi scottanti come finanza ed equità perfino il Papa fatica a farsi ascoltare…

In effetti l’enciclica Laudato sì rappresenta una vera rivoluzione sotto molti aspetti. Prima di tutto per la lucidità, la chiarezza e l’assenza di preconcetti nell’esporre una problematica che dovrebbe rappresentare il centro di qualsiasi agenda politica e viene, invece, utilizzata, come sottolinea in diversi passi il Pontefice, soltanto per fini propagandistici.

Economia, finanza e politica finiscono sotto accusa (“Molti di coloro che detengono più risorse e potere economico o politico sembrano concentrarsi soprattutto nel mascherare i problemi o nasconderne i sintomi”), ma vengono evidenziati anche i fallimenti dei vertici mondiali per l’Ambiente e criticate le divisioni nell’area ecologista.

Ci sono indicazioni pratiche per uscire dall’emergenza che dovrebbero essere inserite nella strategia energetica di ogni paese civile. Si parla anche del ruolo dell’informazione, sottolineando come ci siano “troppi interessi particolari e molto facilmente l’interesse economico arriva a prevalere sul bene comune e a manipolare l’informazione per non vedere colpiti i suoi progetti”. Più chiaro di così…