Condono per Ischia. In Commissione Senato dissidenti M5s lo bocciano. E mò?

Condono per Ischia. In Commissione Senato dissidenti M5s lo bocciano. E mò?

14 Novembre 2018 0 Di Marino Marquardt

E mò che succede? Nel M5s i mugugni si traducono in fatti, i mal di pancia in voti mancanti, nella Commissione del Senato i consensi perdono pezzi. Morale della favola il condono per le abitazioni dei terremotati di Ischia è bocciato, il Governo subisce il primo ko ad opera dei dissidenti Cinquestelle.

Tra i Cinquestelle esplodono le polemiche e si spargono i veleni

Nel Movimento esplodono le polemiche, scoppia il casino, minacce e ruggiti si rincorrono. E si spargono anche i veleni. C’è chi ricorda – tra questi Luigi Di Maio – che è la stagione dei versamenti delle quote relative ai tagli degli stipendi dei parlamentari pentastellati. La contestazione – insomma – al di là di sollecitazioni ideali potrebbe essere stimolata anche da ragioni economiche. Un bel gruzzolo. Né l’anticostituzionale minaccia di multe a quanti non si allìneano alla maggioranza Cinquestelle appare in grado di fermare i dissidenti.

Tempo di veleni e di malignità.

Non se la passa bene il M5s alle prese anche con l’anemia dei consensi provocatagli dalla Lega…

Geografia parlamentare mutata non è più tempo di purghe per una forza politica attualmente senza bussola

Il tutto in una geografia parlamentare profondamente mutata rispetto alla precedente. Per grazia ricevuta non vi sono più i Denis Verdini, non vi sono più gruppuscoli moderati ragion per cui – almeno sulla carta – in questa Legislatura il trasformismo – se non di massa – non dovrebbe pagare più. Lo dicono i numeri.

E’ pur vero tuttavia che ieri sono bastati due indisciplinati a mandare a monte il condono ischitano…

Ed è pur vero tuttavia che la celebrata “arte del possibile” talvolta può degenerare in “arte del trasformismo” in nome di valori raccattati all’ultimo momento nell’immondezzaio dell’opportunismo.

Detto ciò ricorrere come nella scorsa Legislatura a scomuniche o a espulsioni dei dissidenti da parte di una forza politica al governo e attualmente senza bussola sarebbe un grave errore. La Politica reclama altro…

Già, la Politica… Vi informo che Platone è morto…

14/11/2018   h.07.50