Corsa ai ricavi, Alitalia si sposta su Sabre

Corsa ai ricavi, Alitalia si sposta su Sabre

19 Ottobre 2016 0 Di Pietro Nigro

Alitalia ha completato il trasferimento delle sue attività It sulla piattaforma Sabre, per migliorare il servizio e ottenere maggiori ricavi dalle vendite.

Alitalia si trasferisce sulla piattaforma Sabre

E’ una piccola rivoluzione, quella che Alitalia ha appena realizzato, spostando le sue attività It sulla piattaforma Sabre, la più usata al mondo nel trasporto aereo e nelle prenotazioni alberghiere. Con questa innovazione, si punta a migliorare il servizio ai clienti e quindi ad aumentare i ricavi.

Il passaggio dalla vecchia infrastruttura Arco a Sabre è durato due anni, e si è concluso lo scorso weekend. Sin da sabato, dunque, sono definitivamente passate alla nuova piattaforma tutte le attività connesse alle prenotazioni, alla biglietteria, al check-in e alla gestione dei servizi in volo. Nel solo weekend, sono transitate su Sabre oltre 900 mila prenotazioni e 2 milioni di biglietti.

In particolare, con Sabre, Alitalia ottiene anche la piena integrazione con le altre compagnie che fanno parte del gruppo Etihad, che tutte insieme rappresentano anche il maggior utilizzatore della piattaforma Sabre nel settore del trasporto aereo.

 

Con questa operazione, Alitalia punta ad ottenere maggiori ricavi per almeno 100 milioni di euro l’anno, secondo le stime basate sugli indicatori di Sabre, grazie un aumento delle vendite di voli e di servizi accessori, alla ottimizzazione delle scorte e all’offerta di nuove rotte collegate ai propri voli.

Alitalia, che è controllata al 51 per cento da Cai e per il resto dalla compagnia di bandiera degli Emirati arabi Etihad, gestisce oltre 4.400 voli settimanali verso 27 destinazioni italiane e 70 nel resto del mondo.

Ora, grazie a Sabre, questa già vasta rete di collegamenti dovrebbe essere completamente integrata con le reti e i servizi tecnologici delle altre compagnie del gruppo Etihad, come l’inventario, la messaggistica e in generale il ventaglio dei servizi offerti ai clienti, a cominciare proprio dai voli, nonché con tutta la rete di servizi di trasporto e turistici gestiti da Sabre in 160 paesi del mondo.

Ora, dunque, Alitalia, che è già partner dell’alleanza SkyTeam e fa parte della Joint Venture Transatlantica con Air France-Klm e Delta Air Lines, si integra perfettamente con gli altri vettori Etihad con cui è peraltro già collegata. Si tratta di Airberlin, Air Serbia, Air Seychelles, Etihad Airways, e gli operatori regionali di Etihad, come Darwin Airline, Jet Airways e Niki.

Ci sono voluti due anni per il passaggio da Arco a Sabre, nel corso dei quali sono stati effettuati, secondo quanto comunicato dalla stessa Alitalia, più di 38 mila test e più di 4 mila sessioni di formazione che hanno coinvolto 2 mila dipendenti della compagnia.