Covid 19, a Gennaio stime apocalittiche per l’Italia: senza chiusura del Paese da 600mila a 800mila vittime.

Covid 19, a Gennaio stime apocalittiche per l’Italia: senza chiusura del Paese da 600mila a 800mila vittime.

21 Aprile 2020 0 Di Marino Marquardt

A dire il vero Gennaio la puzza di bruciato attorno all’iniziale allarme Covid l’avevano avvertita un po’ tutti. Come si faceva strada in molti di noi il sospetto del non detto sull’Infezione venuta dalla Cina o uscita da chissà dove. Ora le parole di Andrea Urbani – Direttore Generale della Programmazione Sanitaria – aprono uno squarcio nella fino a ieri fitta coltre di nebbia che avvolgeva il Flagello

“Con il senno di poi, sarebbe stato meglio un lockdown immediato. Ma allora c’erano soltanto i due cittadini cinesi e si decise di assumere scelte proporzionate. Attenzione, però. Come ha certificato l’Imperial College, se il Governo non avesse adottato le zone rosse e le altre misure di contenimento l’Italia avrebbe avuto tra i 600mila e gli 800mila morti”.

Urbani sciorina i numeri della scampata ecatombe durante un colloquio con Fiorenza Sarzanini, firma del Corriere della Sera. Urbani racconta che già dal 20 gennaio l’Italia aveva pronto un Piano Secretato, lo stesso Piano successivamente attuato. La linea fu quella di non spaventare la popolazione e lavorare per contenere il contagio dai possibili sviluppi apocalittici. Nacque il “Piano Nazionale di Emergenza”. Per contrastare il Coronavirus furono fissati orientamenti programmatici, gli stessi orientamenti che poi ispirarono le scelte del Governo di fronte a uno Scenario troppo nefasto per essere divulgato senza scatenare il panico tra i cittadini.

In quel Documento furono riportate cifre ritenute impressionanti e persino insostenibili da qualsiasi Sistema Sanitario. Tant’è che fu questa tragica previsione a convincere lo scorso Gennaio il ministro Roberto Speranza e il Comitato Tecnico Scientifico a non divulgare il Documento e a mettere in campo una task force per contrastare il Virus.

Ora che la curva dei contagi è scesa, gli sforzi del Ministero sono concentrati sul rischio di una seconda ondata. Per questa ragione a fine mese sarà pronto un Decreto che conterrà la strategia per potenziare la risposta ospedaliera, quella fondata sul potenziamento dei Centri Covid e nel contempo sul mettere le Strutture Sanitarie in condizione di tornare alle loro attività ordinarie.

Servono soldi. Anche per questo motivo è spuntata l’ipotesi di un Mes indulgente a condizione che i miliardi eventualmente erogati servano a coprire esclusivamente la Spesa Sanitaria. La Guerra non è ancora finita e una Italia ferita dal Flagello potrebbe finire col contagiare l’intera Europa…

Ps. “Sopra le Righe”, è il nuovo spazio che mi offre il privilegio di poter esprimere opinioni personali su fatti non necessariamente legati alla quotidianità. Uno spazio eretico in cui i pareri del sottoscritto talvolta potrebbero non apparire coerenti con la linea editoriale di Italia Notizie 24. Voltaire docet…

Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola. La maiuscola – insomma – funge da sotttolineatura. Chiedo venia a Quelli della Crusca…

21/04/2020   h.18.00