Covid 19, gli insegnamenti del Flagello: Rivedere gli schemi di vita e rilanciare il Settore Pubblico

Covid 19, gli insegnamenti del Flagello: Rivedere gli schemi di vita e rilanciare il Settore Pubblico

28 Aprile 2020 0 Di Marino Marquardt

Rivedere gli Schemi di Vita e di Produzione, rilanciare una nuova Scala di Priorità. Sono gli Imperativi che il Flagello Covid19 sta ammonendo gli Uomini a tenere presenti negli anni futuri.

Dalla Sanità, al Trasporto Pubblico alle Infrastrutture. Dalle Nostre Parti la Pandemia sta indicando l’Urgenza di rilanciare il Settore Pubblico dopo averlo negli anni penalizzato a favore di Quello Privato.

Il Liberismo Arraffone della Seconda Repubblica ha finito con lo scardinare uno dei Welfare più avanzati del Mondo, il Nostro. Ora bisogna ricostruirlo non distraendo più Fondi per allattare il Privato, il Settore che come unica Legge conosce quella del Profitto e che – una volta sazio – delocalizza le Imprese, trasferisce all’Estero le Società e i Capitali e lascia sul lastrico i milioni di Persone che avevano contribuito al suo Ingrasso.

Il Flagello sta spiattellando sotto gli occhi di tutti i Limiti del Liberismo non bilanciato da un forte Pubblico.

Padre di tutte le precarietà economiche ed esistenziali, il Liberismo va tenuto al guinzaglio affinché non morda più. Questo – piaccia o non piaccia – è quanto ci sta ammonendo a fare il Flagello.

Detto ciò – a proposito di Precarietà – occorre da subito mettere mano alla Emergenza Economica delle Persone. Si continua a parlare delle difficoltà delle Aziende (Domenica scorsa su La7 perfino Massimo Giletti – diviso tra la ereditata versione di Imprenditore e quella del Giornalista e per questa ragione in pieno conflitto di interessi – si è reso portabandiera degli interessi Aziendali) e si dimenticano gli Ultimi, Quelli che hanno l’urgenza di mettere un piatto di lenticchie a tavola e non hanno la possibilità di farlo. Per Costoro già intervenire Oggi è tardi, figuriamoci Domani. E lasciare la miccia della Bomba Sociale nelle mani di Matteo Salvini e Giorgia Meloni sarebbe quanto di più grave possa essere politicamente fatto.

Per ora è tutto.

Ps. “Sopra le Righe”, è il nuovo spazio che mi offre il privilegio di poter esprimere opinioni personali su fatti non necessariamente legati alla quotidianità. Uno spazio eretico in cui i pareri del sottoscritto talvolta potrebbero non apparire coerenti con la linea editoriale di Italia Notizie 24. Voltaire docet…

Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola. La maiuscola – insomma – funge da sotttolineatura. Chiedo venia a Quelli della Crusca…

28/04/2020