Di Maio su La7, Massimo Franco e Giovanni Floris posseduti in diretta tv

Di Maio su La7, Massimo Franco e Giovanni Floris posseduti in diretta tv

22 Marzo 2017 0 Di Marino Marquardt

Durante l’intervista con Di Maio su Di martedì Giovanni Floris e Massimo Franco sono stati posseduti dalla Meli e da Romano in diretta tv.

La7: Floris e Massimo Franco posseduti in diretta

Quando il paranormale ti entra in casa attraverso la tv e tu resti basito… Ieri sera è capitato a me fare la tenebrosa esperienza e ho motivo di ritenere che l’inquietante vissuto lo abbiano fatto anche molti altri telespettatori.

E’ capitato durante la visione di “Di martedì” di Giovanni Floris su La7. E dire che nel corso della iniziale pacata conversazione fatta di domande e risposte tra il conduttore e il vicepresidente pentastellato della Camera Luigi Di Maio nulla lasciava presagire quanto di lì a poco si sarebbe manifestato.

E’ accaduto quando si sono aggiunti in qualità di ospiti il notista del Corriere della Sera, Massimo Franco, e l’attore Claudio Amendola.

Come nei film horror una ventata di gelo ha attraversato la scena. Poi i primi segnali della possessione che iniziava ad avvincere due dei quattro “amici in studio”.

Massimo Franco – noto per le educate e misurate partecipazioni a “Otto e mezzo” di madama Bielderberg – Lilly Gruber – ha cominciato a manifestare inquietudine e nervosismo di fronte alle puntuali risposte dell’interlocutore pentastellato.

Lentamente è svanito il suo aplomb di tollerante professionista dell’Informazione, è svanita la sua sobria immagine di discreto amico che cerca soltanto di dare buoni consigli.

Il volto ha assunto tratti tirati, le labbra hanno dato vita a tremuli movimenti involontari (vedere i primi piani della registrazione per crederci). Fino allo stravolgimento totale della sua immagine nota al pubblico televisivo.

Nello stesso tempo, come certi animali (umani e non umani) che si eccitano alla vista e all’odore del sangue, anche Floris si è incattivito e ha cercato vanamente di addentare il suo lucido ospite. Scene raccapriccianti a cui stavano dando vita due giornalisti fuori controllo.

Ma cosa stava accadendo in studio verso le 22? Alla domanda ecco l’unica spiegazione possibile: stava accadendo che Maria Teresa Meli (renziana del Corriere della Sera) era entrata nella testa di Franco, se ne era impossessata e ne stava dirigendo i pensieri mentre l’altrettanto renziano Andrea Romano stava guidando la mente di Floris.

 

Due casi di possessione in diretta tv nello stesso giorno e nell’arco di pochi minuti. Mai accaduto. E poco ha potuto l’esorcista Amendola per cercare di contenere la furia dei posseduti.

Non aggiungo altro. Meno male che digitale e Rete hanno memoria, altrimenti qualcuno nel leggere il racconto della mia personale esperienza da telespettatore potrebbe prendermi per matto. Da legare.