E’ bello finire alla sbarra! Così si vincono le elezioni. Ecco la deprimente vulgata mediatica

E’ bello finire alla sbarra! Così si vincono le elezioni. Ecco la deprimente vulgata mediatica

15 Gennaio 2020 0 Di Marino Marquardt

Nel Paese alla Rovescia diventa premiante per un Leader Politico finire alla sbarra sotto il peso di gravi accuse. E’ questo il messaggio più o meno subliminale che i Depositari del Conformismo Mediatico stanno diffondendo per via cartacea, satellitare, digitale e on line.

Anziché soffermarsi sulla gravità delle accuse, sulla disumanità fieramente esibita dal Leader della Lega nei giorni del Papeete (nella foto Salvini è il gentleman senza maglietta ndr), Tromboni, Trombette e Megafoni asserviti alla vulgata corrente propongono le Jacovelle (per i non napoletani e per gli habitué della Bergamo Alta, “tira e molla inutili”. Ndr) in atto nella Giunta per le Immunità del Senato sulla data del pronunciamento relativo all’autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini, autorizzazione richiesta dal Tribunale dei Ministri.

I Conformisti dell’Informazione propongono il Piatto del Giorno  discettando sui vantaggi elettorali che potrebbero derivare al Capo della Lega dal rinvio a giudizio e non si soffermano mai – i Suddetti – sugli svantaggi che potrebbero derivare – in un Paese Normale – al Medesimo dal finire sotto processo.

Si tratta di pilotati, deprimenti e ben pagati sermoni da parte di quei cosiddetti Garantisti formattati per essere al servizio di Potenti e di Ricchi Manigoldi.

Per i Soloni, per le Vallette dei Mass Media e per gli Esemplari che quotidianamente arricchiscono gli Zoo televisivi – insomma – è bello, è vantaggioso per un Capo Politico finire processato sotto il peso di gravi accuse quali sequestro di persone e abuso d’uffici Il caso specifico riguarda il dramma dei migranti trattenuti al largo per giorni sulla Nave Militare  Italiana Gregoretti. Roba da far vincere le elezioni, secondo i Cantori dell’Epopea Salviniana. Cose da pazzi… Fosse veramente così  per sociologi e psicologi si proporrebbe una nuova materia di studio imperniata sul rovesciamento di Valori e del comune sentire. Il tutto di tradurrebbe in una ricerca sul degrado etico-morale del Paese attraverso i condizionamenti dei Mass Media.

Strangers in the night cantava Frank Sinatra; Strangers in Italy verrebbe da cantare a quanti non comprendono il rovesciamento dei Valori in atto nel Paese.

Detto ciò, chissà perché la riflessione riporta alla mente il consunto lamento “Povera Italia!”. Uno scorato Grido di Dolore – verrebbe da dire – quanto mai attuale.

Ps. Avviso agli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dalla scrittura corrente sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola.

15/01/2020  h.07.00