Ecco i sei imperativi categorici a cui dovrà fare riferimento Conte per fronteggiare l’emergenza sociale

Ecco i sei imperativi categorici a cui dovrà fare riferimento Conte per fronteggiare l’emergenza sociale

02 Maggio 2020 0 Di Marino Marquardt

Basta chiacchiere, fuori i soldi! Pochi, maledetti e subito! E qualcuno avverta Palazzo Chigi: potrebbero presto trasformarsi in cianuro gli Elisir di Lunga Vita – Matteo Salvini e Matteo Renzi – che finora hanno consentito all’Avvocato del Popolo Giuseppe Conte di restare alla guida del Governo.

La pazienza dei SenzaReddito e dei nuovi SenzaFuturo sta per finire! Basta annunci, si provveda a distribuire moneta contante. Lo battezzino Salario di Emergenza, Reddito di Emergenza o come diavolo vogliono, ma facciano presto!

Occorre distribuire Sussidi a fondo perduto e a tempo indeterminato. E ciò fino a quando i Destinatari delle Elargizioni Statali non avranno trovato nuove fonti di guadagno.

Occorre immettere liquidità in nome della Pace Sociale e della ripresa dei Consumi.

Occorre far presto, i vecchi e nuovi Ultimi non hanno più da mangiare. Ne sanno qualcosa la Caritas, le Parrocchie e le Associazioni di Volontariato.

Occorre far presto evitando di perdersi nei meandri della Burocrazia.

Occorre far presto ricorrendo alle Autocertificazioni dei Bisognosi. Salvo poi – a bufera passata – verificare la veridicità delle dichiarazioni e salvo poi infliggere severe sanzioni a quanti hanno eventualmente ingannato lo Stato e quindi Tutti Noi.

Occorre velocizzare tutte le procedure, il Governo deve agire come l’Ambulanza che passa col Rosso per salvare la vita di chi ha a bordo.

Inutile dirlo – seppure fuori tempo massimo – quelli della prossima settimana saranno i Giorni Decisivi per misurare la Credibilità e le Dantesche  Virtute e Canoscenza del Premier.

Ps. “Sopra le Righe”, è il nuovo spazio che mi offre il privilegio di poter esprimere opinioni personali su fatti non necessariamente legati alla quotidianità. Uno spazio eretico in cui i pareri del sottoscritto talvolta potrebbero non apparire coerenti con la linea editoriale di Italia Notizie 24. Voltaire docet…

Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola. La maiuscola – insomma – funge da sotttolineatura. Chiedo venia a Quelli della Crusca…

02/05/2020    h.06.00