Euro2016, sorpresa Croazia. Per l’Italia c’è la Spagna

Euro2016, sorpresa Croazia. Per l’Italia c’è la Spagna

22 Giugno 2016 0 Di Marco Martone

Euro2016, La Croazia batte la Spagna e vince il gruppo B. L’Italia questa sera incontra l’Irlanda, ma già pensa agli Ottavi proprio contro la formazione spagnola. Vincono anche Germania e Polonia.

Euro2016, Croazia batte la Spagna

Ad Euro2016 ci tocca la Spagna, un po’ a sorpresa e non è detto che sia una sciagura. Come nella finale di quattro anni fa, le furie rosse si troveranno sul cammino della Nazionale italiana e come nel 2012 non sarà un impegno facile. Quella volta vinsero loro con un netto 4-0.

Ieri la squadra di Del Bosque si è sciolta come neve al sole contro la sorprendente Croazia, trascinata dagli “italiani” Perisic e Kalinic, autori dei due gol con i quali i croati hanno ribaltato il risultato, sbloccato in avvio di gara dalla rete di Morata, ormai ex della Juve.

Evitare la squadra con la maglia a scacchi bianchi e rossi potrebbe essere stata una fortuna, però.

La Croazia gioca bene, ha qualità, forza fisica e talento. Una formazione che se assistita anche da un pizzico di fortuna, vedi il rigore fallito ieri da Ramos, può fare ancora molta strada nel torneo continentale.

Meglio, allora, affrontare gli spagnoli, apparsi l’ombra dello squadrone che per un decennio ha fatto tremare l’Europa e il mondo intero e che adesso sembra un po’ mordere il freno. Antonio Conte, che stasera affronterà l’Irlanda in una partita il cui risultato non ha alcun tipo di valore, se non statistico, avrà già in mente le contromisure da adottare per superare l’ostacolo iberico.

Prima però, come detto, c’è la formalità dell’ultima partita del girone. Inutile dal punto di vista della classifica per l’Italia, già sicura del primo posto. Sarà l’occasione per far riposare qualche titolare e dare spazio a chi, per ora, in Francia ha fatto solo da turista. Inevitabile, però, che l’attenzione del gruppo sia già proiettata alla sfida degli Ottavi.

Euro2016, vincono Polonia, Germania e Turchia

Nelle altre partite di ieri, vittorie di Germania e Polonia, che ottengono il pass aritmetico per la fase successiva. Vince anche la Turchia, che deve attendere i risultati delle altre per poter conoscere il proprio futuro.

Al Parc des Princes, la Germania ha liquidato, ma di misura, l’Irlanda del nord, grazie ad un gol di Mario Gomez nel primo tempo. I tedeschi chiudono con 7 punti al pari della Polonia e si qualificano agli ottavi da vincitori del raggruppamento in virtù della migliore differenza reti rispetto alla selezione di Nawalka. I nordirlandesi, che escono dallo stadio tra gli applausi dei loro tifosi per la bella prestazione contro i campioni del mondo, superano la fase a gironi con il ripescaggio.

Contemporaneamente, A Marsiglia, il bel gol di Jakub Błaszczykowski al 54′ permette alla Polonia di battere l’Ucraina. e di finire seconda nel Gruppo C per la peggior differenza reti rispetto alla Germania campione del mondo. La nazionale di Adam Nawałka, comunque, chiude il girone di Euro2016 senza subire reti, come l’Italia nel 1980 e la Germania nel 1996 e nel 2016 ed ora si prepara alla partita con la Svizzera, sabato prossimo, negli Ottavi. L’Ucraina, invece, che era già certa dell’esclusione dagli Ottavi, torna a casa senza aver vinto nessuna partita e senza aver segnato alcun gol.

La Turchia, a sua volta, batte la Repubblica Ceca e la scavalca al terzo posto del gruppo D grazie al gol di Burak Yılmaz dopo dieci minuti di gioco (è il 21esimo dell’attaccante in nazionale) e al raddoppio di Ozan Tufan raddoppia nel secondo tempo. I cechi, eliminati, recriminano per le occasioni fallite nel primo tempo, proprio come a Ginevra nell’edizione 2008, l’altra sconfitta dei cechi contro i turchi. .

 

Qualificate anche Slovacchia, Ungheria e Irlanda del Nord. La squadra di Hamsik supera il girone B come migliore terza grazie ai 4 punti conquistati, mentre i magiari sono certi di chiudere almeno al terzo posto qualificandosi, tra le migliori terze. Passa come migliore terza anche l’Irlanda del Nord grazie ad una migliore differenza reti. Saluta l’Europeo la Repubblica Ceca.