Eurogruppo, accordicchio preliminare sugli aiuti economici ai Paesi maggiormente colpiti dalla Pandemia

Eurogruppo, accordicchio preliminare sugli aiuti economici ai Paesi maggiormente colpiti dalla Pandemia

10 Aprile 2020 0 Di Marino Marquardt

Un Accordicchio preliminare che conferma ancora una volta come questa Ue sia tenuta insieme con lo sputo; un Accordicchio sulle misure per contrastare l’emergenza economica scaturita dalla Pandemia raggiunto con affanno dall’Eurogruppo; un Accordicchio all’ombra della preoccupazione di Palazzo Chigi per la presenza della trappola Mes, la Misura economica detta SalvaStati ma che in realtà si traduce in MangiaStati. Trappola che potrebbe scattare in danno dell’Italia.

Dopo tre giorni di aspro confronto, i tarallucci e vino – avvelenati i primi e inacidito il secondo – sono stati offerti dall’Olanda, il Paese che ha fondato la propria forza sulle Regole dei Paradisi Fiscali.

Il timore diffuso – insomma – è che gli aiuti economici di cui potrebbe avvalersi l’Italia possano nascondere l’arsenico.

Tra musi lunghi, l’unico a sorridere è il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. E’ la maschera per nascondere la propria impotenza.

“E’ una Caporetto”, liquida dall’Opposizione il Capo della Lega Matteo Salvini. Gli fa eco la Leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni: “Il ministro Gualtieri ha firmato per attivare il Mes, niente Eurobond e Italia messa sotto tutela. Alla fine hanno vinto i diktat di Germania e Olanda, il Governo in questi giorni aveva fatto finta di alzare la voce ma, tanto per cambiare, si è piegato ai dogmi nordeuropei”.

Entrambi – Salvini e Meloni – invitano il Ministro a tornare agli arpeggi sulla chitarra…

Con un Diavolo per capello – a cominciare dal Premier Giuseppe Conte – i Frequentatori di Palazzo Chigi. Ed è tempesta nel M5s, tra i Cinquestelle soffia forte il vento della fronda.

Del Pasticcio Pasquale, dell’Accordicchio preliminare raggiunto nella notte riparleranno nei prossimi giorni i Capi di Stato e di Governo degli Stati Membri. Lo faranno in un Consiglio d’Europa che si preannuncia incandescente.

Il tutto mentre la richiesta di ripresa di alcune Attività Produttive da parte di Confindustria è respinta dal Mondo della Scienza e dal Premier. La chiusura del Paese è prorogata fino al 3 maggio.

Nervi tesi, dunque, mentre dalla Cina arrivano ammalianti canti sirenei e mentre nel Paese cresce la tensione dei SenzaReddito, di quei Disperati finora illusi da Generosi Annunci ma senza ancora un centesimo per mangiare.

Aria da Malapasqua, Conte batta un colpo…

10/04/2020    h.08.30