Europa League: Roma ai quarti, Milan in difficoltà

Europa League: Roma ai quarti, Milan in difficoltà

19 Marzo 2021 0 Di Fabio Carolla

Europa League: Roma facile, passa il turno contro Shakhtar Donetsk, 2-1 in Ucraina. Milan eliminata a San Siro: basta un gol al Manchester.

Europa League: Roma ai quarti, vince in Ucraina

Tutto facile per la Roma nel doppio turno contro gli ucraini dello Shakhtar Donetsk. Gli ottavi di finale per i giallorossi sono pura formalità, nonostante le qualità tecniche note degli avversari.

La squadra di Fonseca – che gioca contro la ex – non è mai in difficoltà, né nella gara di andata, né nella sfida di ritorno a Kyev. Un veloce giro palla, solidità difensiva e capacità di iniziativa dei singoli sono gli ingredienti di un passaggio del turno mai messo in discussione.

In Ucraina, la Roma gioca per ritrovare sé stessa e lasciarsi alle spalle la gara contro il Parma. Fonseca schiera Mayoral, Pedro e Perez lì davanti con Diawara e Villar a centrocampo. Lopez copre la porta, mentre Ibanez, Kumbulla e Cristante chiudono il reparto difensivo.

Roma che soffre un po’ nei primi minuti della gara, ma lo Shakhtar Donetsk non è mai troppo pericoloso nel primo tempo. Nella ripresa, i romani sono molto più incisivi e propositivi: al 48esimo Borja Mayoral trova il gol di testa su pasticcio della difesa ucraina.

Si riaffaccia in avanti lo Shakhtar Donetsk, consapevole dell’oramai decisa eliminazione. Al 59esimo sugli sviluppi di un calcio di punizione, la squadra di casa è anche capace di trovare il gol del momentaneo pareggio: Junior Moraes si avventa per primo su un pallone destinato a finire sul fondo, spingendo a rete.

A mettere il punto finale è ancora Borja Mayoral che trova il raddoppio su un’azione magistrale di Perez, che salta il portiere ucraino e poi lascia il pallone al compagno: lo spagnolo deve solo appoggiare in rete con tocco sotto.

Il risultato finale di 2-1 per i romani è una speranza per il calcio italiano: la Roma è chiamata a mettercela tutta per arrivare fino in fondo in una competizione europea, considerando che le italiane rimaste in Europa sono solo due – con il Milan impegnato qualche ora dopo.

Milan-Manchester United: rossoneri fuori dall’Europa

Delusione totale del Milan a San Siro: i presupposti c’erano tutti per poter passare il turno, ma i rossoneri vengono eliminati da un pallido Manchester United.

La squadra di Milanello vive un momento di difficoltà, con l’obiettivo campionato oramai sfumato – a vantaggio dei cugini nerazzurri per di più – e con l’uscita da tutte le coppe in seguito all’eliminazione dall’Europa League.

Nella gara di andata solo la sfortuna aveva tradito Pioli: in generale, la sua squadra aveva giocato un’ottima partita cercando più volte la rete e spingendosi molto pericolosamente in avanti. Alla fine il pareggio era stato agguantato in extremis da Kjaer, negli ultimi respiri di gara.

A San Siro, l’obiettivo per Pioli è vincere e convincere per riportare il Milan sul tetto d’Europa. L’emergenza infortuni però è pesante e l’allenatore è condizionato in molti reparti. Ritrovato Calhanoglu, si posiziona dietro Castillejo schierato unica punta. Sulla trequarti anche Krunic e Saelemaekers, davanti Kessié e Meite in mediana. Hernandez e Kalulu sulle fasce assicurano i centrali Tomori e Kjaer. A porta la solita saracinesca Donnarumma.

Il Milan inizia benissimo la gara: i rossoneri dominano la prima parte di gara, ma la partita non ha mai l’impressione di sbilanciarsi dall’equilibrio iniziale. I milanisti hanno anche una ghiotta occasione nel primo tempo, sprecata dal centrocampista Krunic.

Nel secondo tempo poi avviene il disastro. Subentrato a Rashford al 45esimo, Pogbaex Juve – riceve palla sugli sviluppi di un calcio d’angolo e conclude ravvicinato a porta: Donnarumma non può nulla. L’errore qui però è della difesa milanista, impacciata – sopratutto con Kessié – a spazzare via un pallone sicuramente non giocabile. Al Milan, bastava anche un pareggio a reti inviolate per passare, ma il gol complica di gran lunga le speranze.

Tuttavia, anche una rete ora basterebbe ai rossoneri per portare la gara ai supplementari e guadagnare tempo. Dopo il gol del francese Pogba, il Milan schiera Ibrahimovic e si allunga in avanti, ma nulla da fare: i milanesi sono quasi mai vicini ad impensierire il portiere e la retrovia avversaria.

Il risultato finale di 1-0 per i Red Devils è la condanna del calcio italiano, dopo le eliminazioni di Juventus, Inter, Lazio, Atalanta e Napoli.

Europa League: Roma l’unica rimasta. È il sintomo di un calcio che soffre la mancanza di investimenti a lungo termine. È arrivato il momento di dover fare qualcosa, anche in vista dei prossimi impegni della nazionale.