Finisce 1-1 il primo round tra Napoli e Juve. Mercoledì si replica in coppa Italia

Finisce 1-1 il primo round tra Napoli e Juve. Mercoledì si replica in coppa Italia

03 Aprile 2017 0 Di Marco Martone

KHEDIRA ILLUDE I BIANCONERI CHE POI PENSANO SOLO A DIFENDERSI. NELLA RIPRESA IL PARI DI HAMSIK. ROMA E LAZIO SORRIDONO, IL MILAN SI FERMA A PESCARA

Finisce 1-1 la prima sfida tra Napoli e Juventus, che si ritroveranno di fronte tra due giorni, sempre allo stadio San Paolo, questa volta per il ritorno della semifinale di Coppa Italia, vinta all’andata dai bianconeri per 3-1. Un pareggio arrivato con i gol di Khedira nel primo tempo, dopo appena 6 minuti di gioco e di Hamsik, nella ripresa.

Per la Juve una gara di gestione e contenimento, in perfetto stile provinciale, come ha ammesso lo stesso Massimiliano Allegri al termine dei 90 minuti di gioco. Un atteggiamento che farà storcere il naso agli esteti del calcio ma che porta, evidentemente, risultati e trofei, l’unica cosa che conta in casa bianconera. Che tutto questo possa bastare anche contro il Barcellona in Champions League si vedrà la prossima settimana. La Juve, intanto, con il punto rimediato a Napoli mantiene la Roma a distanza di sicurezza (6 punti) e di fatto elimina lo stesso Napoli dalla lotta per lo scudetto. Per gli azzurri un buon punto, anche se la distanza dal secondo posto è aumentata e soprattutto è diminuito il vantaggio sulla Lazio che diventa una minaccia anche per la terza piazza, valevole per l’accesso ai preliminari di Champions.

La partita del San Paolo, con il ritorno di Higuain, fischiato dai suoi ex tifosi e “cancellato” dal campo dai suoi ex compagni di difesa, era il clou della trentesima giornata di campionato, che ha visto le vittorie delle romane e il trionfo di un’Atalanta sempre più sorprendente. La Lazio ha vinto in rimonta (1-2) sul campo del Sassuolo, trascinata dal solito Immobile che segna con continuità spaventosa, in Nazionale come in maglia bianco-azzurra. Per la Roma, invece, è stato facile archiviare con un secco 2-0 (doppietta di Dzeko) la pratica Empoli. Per i giallorossi tre punti che, in virtù del pareggio di Fuorigrotta, avvicinano alla vetta e ricacciano indietro il Napoli. Doppio colpo notevole per Spalletti che intanto annuncia il suo possibile addio alla capitale.

Alle spalle risale l’Atalanta (0-5 sul campo del Genoa), mentre frena il Milan che, complice un errore grossolano di Donnarumma, non va oltre il pareggio sul campo dell’ormai quasi retrocesso Pescara (1-1). Un punto inutile per Zeman, destinato al tracollo assieme al Palermo, sconfitto in casa dal Cagliari (1-3). Qualche piccola speranza comincia invece a cullarla il Crotone, che va a vincere sul campo del Chievo Verona (1-2) e si porta a 5 punti dall’Empoli che attualmente è quart’ultimo in classifica. Nelle altre due gare in programma, in attesa del posticipo tra Inter e Sampdoria, c’è la vittoria della Fiorentina (1-0) sul Bologna e il pareggio spettacolare (2-2) tra Torino e Udinese, con il solito gol di Belotti, capocannoniere del campionato assieme a Dzeko.