Francia, Le Pen sotto i riflettori: l’ultimo sondaggio la dà in leggero calo

Francia, Le Pen sotto i riflettori: l’ultimo sondaggio la dà in leggero calo

04 Marzo 2017 0 Di Pietro Nigro

Marine Le Pen sempre sotto i riflettori per le prossime elezioni in Francia: oggi un sondaggio la dà in calo nelle intenzioni di voto forse dopo i recenti disordini di Nantes.

Le Pen in calo nelle intenzioni di voto

Marine Le Pen, la leader della destra data per favorita alle prossime elezioni presidenziali in Francia, è continuamente sotto i riflettori. Da ultimo, oggi, viene data in leggero calo nelle intenzioni di voto degli elettori rilevate dalla Bva.

Oggi, secondo il sondaggio Bva, la leader del Front National raccoglierebbe il 26 per cento dei consensi al primo turno delle elezioni, cioè circa l’1,5 in meno rispetto ad un analogo sondaggio di febbraio.

A spiegare questo leggero calo, secondo gli analisti, potrebbe essere stata l’ipotesi, nei fatti poco più di una voce, secondo cui la Le Pen intenderebbe punire in qualche modo i funzionari “rei” di danneggiare gli avversari politici. In effetti, la Le Pen si è infuriata dopo gli incidenti di campagna elettorale accaduti a Nantes e le contestazioni subite proprio dai dipendenti pubblici.

I dipendenti pubblici che si prestano a tenderle trappole, ha detto la Le Pen, rispondono ad appelli e richieste di aiuto rivolte da un ceto politico ormai disperato, ma si tratta di metodi illegali.

“Tra poche settimane, questo governo sarà spazzato via dalle elezioni e ai dipendenti pubblici sarà chiesto di assumersi le proprie responsabilità per i metodi illegali utilizzati, perché sono illegali”.

Nello stesso sondaggio, il candidato indipendente di centro Emmanuel Macron sembra a sua volta in risalita, perché avrebbe raggiunto la sua avversaria a quota 24 per cento, quindi tre punti in più del sondaggio precedente. E poiché il conservatore Francois Fillon sembra restare inchiodato attorno al 19 per cento, al ballottaggio dovrebbero dunque andare la le Pen e Macron, con quest’ultimo che comunque perderebbe per 62 a 38.

La Le Pen sembra essere in testa in quasi tutti i sondaggi, e solo in un caso, un sondaggio pubblicato venerdì dalla Odoxa, risulterebbe perdente rispetto a Macron. Per averne una conferma, la Reuters ha pubblicato una pagina con il raffronto di tutti i sondaggi per ciascun candidato alle elezioni.

Le Pen, “perseguitata” dalla giustizia

E nel frattempo, la Le Pen porta avanti anche un vigoroso braccio di ferro contro la magistratura.

Giovedì, il Parlamento europeo, di cui la Le Pen è membro, le ha revocato l’immunità parlamentare, accogliendo una richiesta della magistratura francese, che intende processarla per un reato d’opinione, l’aver pubblicato alcune fotografie a tema “violento” – tre fotografie di esecuzioni dell’Isis –  sul suo profilo Twitter.

A sua volta, la leader del Front National continua a rifiutarsi di rispondere all’invito a comparire mandatole dalla polizia per essere ascoltata a proposito dei presunti compensi illegali ai suoi collaboratori al Parlamento europeo.

L’invito, per lei e per il suo capo di gabinetto Catherine Griset, successivamente incriminata, era per venerdì scorso, il 24 febbraio, ma la Le Pen non si è presentata.

Ieri, il suo avvocato Rodolphe Bosselut ha fatto sapere che la sua cliente risponderà “al momento giusto” alla convocazione della polizia, e che al momento non sta ostacolando la giustizia ma sta semplicemente ostacolando

“un’ingiustizia che le viene fatta, quella di aver organizzato artificialmente udienze in tempi ravvicinati due mesi prima delle elezioni, proprio in mezzo alla campagna presidenziale”.