“Genova delle arti” va in streaming la bellezza della città

“Genova delle arti” va in streaming la bellezza della città

06 Novembre 2020 0 Di Patrizia Russo

#Genova delle #arti: tre #eventi sull’arte di ogni quartiere per farla conoscere in tutta Italia: a partire dal 6 novembre in #streaming.

Genova delle arti, tre eventi in streaming per accendere i riflettori sulla città

“GENOVA DELLE ARTI” punta i riflettori sull’Arte in ogni quartiere per farla conoscere all’Italia intera e oltre. Il direttore artistico Pino Petruzzelli presenta così questo innovativo progetto:

“Il Covid 19 ci ha costretti a distanziarci? Bene, ne prendiamo atto e proviamo a restare umani attraverso l’Arte. Andiamo a incontrare i dipinti, i componimenti musicali, la poesia, la narrativa, la saggistica che ha come nucleo centrale la città di Genova e in modo particolare i suoi quartieri. Un progetto che intende restituire valore alla Bellezza e al territorio genovese. Questa città è un Museo Diffuso in cui ogni quartiere racchiude Arte e il progetto intende creare una sinergia tra Cultura e Territorio. Tre “Prime” in cui ogni evento sarà diverso dall’altro. La cultura non crea muri tra le persone, ma ponti. Dialogo. Conoscenza. Voglia di ritrovarsi. La cultura che amiamo genera vita attraverso il dialogo. In questa prospettiva abbiamo cercato di dare spazio al dialogo e alla sinergia attraverso una collaborazione attiva tra il Comune di Genova, Palazzo Ducale, Genova-Liguria Film Commission che ha realizzato i video, Teatro Ipotesi e gli sponsor Iren e Coop Liguria”.

Il programma degli eventi in streaming

I tre eventi di “GENOVA DELLE ARTI” racconteranno la Torre Grimaldina con le Celle di Palazzo Ducale e le opere d’arte presenti in Valpolcevera e in Valbisagno. Ecco il calendario degli appuntamenti:

Palazzo Ducale 6 novembre ore 21.00

Genova una città che si innalza come un anfiteatro intorno al suo porto.

“Parigi e Londra a confronto di questa divina città scompaiono come semplici agglomerati di case e di strade senza alcuna forma”.

Così disse Richard Wagner. Nel centro storico della città della Lanterna si erge Palazzo Ducale. Una volta varcato l’ingresso di questo maestoso e imponente edificio si è avvolti dalla storia e dall’arte di questa straordinaria città. Elementi caratteristici e poco conosciuti sono la Torre Grimaldina e le Celle: le imponenti pareti conservano le memorie dei prigionieri attraverso scritti, graffiti, poesie, dipinti di paesaggi e mongolfiere, velieri e bande musicali. Da una cella uscirà il suono di un violino: è quello di Niccolò Paganini che fu rinchiuso qui dentro nel maggio del 1815 e che oggi grazie alla tecnologia suonerà per il pubblico connesso. Il percorso condurrà in altre celle proponendo contenuti diversi a seconda del luogo che si sta attraversando. Si potranno ascoltare testi di Eugenio Montale, Giorgio Caproni, Dino Campana, Vincenzo Cardarelli ed Eugenio De Signoribus.

Valpolcevera 7 novembre ore 20.30

A San Biagio in Valpolcevera si trova la casa dove Paganini amava andare in vacanza. Comodamente seduti sul divano si potranno ascoltare le note del famoso violino e il racconto del suo amore per i ravioli condiviso con l’amico poeta Martin Piaggio. A Pontedecimo si potrà ammirare un dipinto di Domenico Fiasella e nella Chiesa di San Giacomo Maggiore, il Battesimo di Cristo del pittore genovese Giovanni Battista Paggi. Altre sue opere si trovano nel Museo Nazionale di Palazzo Reale a Pisa, nel Chiostro di Santa Maria Novella e nella Chiesa della Concezione a Firenze.

Vetrata chiesa Santa Maria e San Giustino in Valbisagno con Giorgio Oikonomo

Vetrata chiesa Santa Maria e San Giustino in Valbisagno con Giorgio Oikonomo

Val Bisagno 8 novembre ore 16.00

Nel cimitero monumentale di Staglieno, un museo a cielo aperto che testimonia i fasti di una Genova ottocentesca ricca e borghese, è sepolto Giuseppe Mazzini, che presenterà il suo discorso sui diritti e i doveri dell’uomo. Gli utenti online potranno ammirare la Madonna del Maragliano nella Chiesa di Santa Maria e una maestosa vetrata di Giorgio Oikonomoy nella Chiesa di San Giust signano. La Chiesa di San Siro di Struppa, infine, ospita le voci e le testimonianze di Giordano Bruschi e Giorgio Caproni.

 

Tutti e tre gli eventi saranno trasmessi sul Canale Youtube di Palazzo Ducale e sulle Pagine Facebook Coop Liguria e Pino Petruzzelli