Home Politica Politica italiana Giovedì e Venerdì i colloqui al Quirinale. Mattarella riceverà M5s per ultimo

Giovedì e Venerdì i colloqui al Quirinale. Mattarella riceverà M5s per ultimo

74
0
Quirinale Sergio mattarella Consultazioni

Malumori nel Centrodestra. Non gradito il calendario fissato dal Presidente della Repubblica

Il Capo  dello Stato fissa gli incontri con ottica proporzionale. Contano più i partiti della coalizione Salvini-Berlusconi-Meloni

Secondo alcuni osservatori Matteo Salvini, Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni avevano deciso di andare insieme dal Presidente Sergio Mattarella al fine di essere ricevuti per ultimi in base alla percentuale raccolta nelle urne dal Centrodestra, il 38 per cento circa.

Una scelta strategica – questa dei Tre – per posizionarsi dopo avere ascoltato Luigi Di Maio all’uscita da colloquio col Capo dello Stato.

Invece non è andata secondo le aspettative dei Leaders della Coalizione.

Mattarella – valutando il risultato del M5s (33 per cento) ottenuto facendo leva soltanto sulle proprie forze evidentemente ha considerato – con ottica proporzionalista – di lasciare immutato l’ordine dei colloqui con i partiti rispetto al primo giro di consultazioni. Una scelta tutto sommato indicativa dell’orientamento del Presidente nel considerare le forze in campo.

Fissata, dunque, la nuova tornata di colloqui per giovedì e venerdì prossimi. Il primo giorno sarà dedicato alle forze politiche, solo nel secondo Sergio Mattarella vedrà le cariche istituzionali: i presidenti della Camera Roberto Fico e del Senato Elisabetta Alberti Casellati e il Capo dello Stato emerito, Giorgio Napolitano. Quindi ordine invertito, rispetto al primo giro terminato giovedì scorso con una fumata nera.

Il penultimo incontro – come detto – sarà con il Centrodestra unito, quindi l’ultimo partito a salire al Quirinale sarà il Movimento 5 Stelle. Un calendario che indica come in ottica proporzionale Mattarella intenda dare priorità alla forza di ciascun partito e non alla forza della raffazzonata coalizione di Centrodestra.

Una agenda di incontri – questa del Quirinale – che, siatene certi, darà vita a spifferi e illazioni.