Home Politica Politica italiana Governo in confusione. Subito il setaccio per separare il possibile dall’impossibile

Governo in confusione. Subito il setaccio per separare il possibile dall’impossibile

governo giallo verde di maio salvini adnkronos
Sono bastate le esitazioni dei primi giorni influenzati ancora dall’eco della campagna elettorale per percepire la netta impressione del caos progettuale che muove i due Leader oggi probabilmente e scontatamente alle prese con promesse e problemi più grandi di loro.

Flat tax, Reddito di cittadinanza, Fornero e Migranti i nodi da sciogliere

Premesso che il Governo Conte è l’ultimo regalo agli italiani dell’ex Capo Scout di Rignano sull’Arno;
premesso che il sodalizio M5s-Lega è l’ennesima dimostrazione dell’ottusità politica dello stesso Giovanotto oggi in giro per il mondo a fare conferenze retribuite;
premesso che il “Contratto” gialloverde è l’ulteriore conferma dell’attuale inutilità del Pd ancora condizionato dal renzismo;
premesso tutto ciò, per Luigi Di Maio e Matteo Salvini è già l’ora di impugnare il setaccio per dividere il possibile dall’impossibile, per separare le illusioni elettorali dalla concretezza della realtà economica del Paese.
Setaccio subito, allora, per fare chiarezza e per evitare che soprattutto nella base Cinquestelle nascano malumori che alla fine potrebbero rivelarsi devastanti.
Setaccio per dimostrare la fattibilità degli annunci elettorali.
Setaccio per spiegare tempi, modi e consistenza del Reddito di Cittadinanza, cavallo di battaglia del M5s;
setaccio per stabilire tempi e modi dell’erogazione della Pensione di Cittadinanza, altro cavallo di battaglia pentastellata;
setaccio per illustrare chi pagherà la Flat tax – bandiera della Lega – e in quale misura questo provvedimento caro ai ricchi inciderà sul welfare e sui servizi, dalla Scuola alla Sanità;
setaccio per spiegare alla gente come si intendano sigillare gli invisibili confini del mare e come si intenda procedere agli annunciati rimpatri di migranti non aventi diritto alla permanenza sul suolo italiano secondo la legge vigente, temi questi cari a Salvini;
setaccio per dimostrare in quale modo procedere alla modifica della Legge Fornero, priorità bipartizan di M5s e Lega.
Il vento sta cambiando tra i Cinquestelle
Setaccio subito per fare chiarezza e per separare le promesse dalle cose possibili.
L’impressione è che dalle parti dei Cinquestelle il vento stia rapidamente cambiando. Bisogna procedere a passo di carica verso i provvedimenti attesi, sempre che Di Maio e i Suoi abbiano sufficiente fiato.
E bisogna anche fare subito chiarezza col “socio” Salvini. Da lunedì – ad elezioni amministrative archiviate – il Leader leghista dovrà mettersi in linea col Galateo del Viminale e misurare le parole. E i due orticelli pentaleghisti – impresa sulla carta improba – dovranno cercare di fondersi.
Il baratro per il Governo Conte potrebbe essere più vicino di quanto si creda…
Dalla prossima settimana d’obbligo – dunque – rimboccarsi le maniche.
Al lavoro col “contratto” bene in vista.
Vi sono riforme a costo zero, altre a costi altissimi. Guai a sbagliare nel far di conto. E guai a sbagliare la partenza. In tanti aspettano il Governo gialloverde al varco e in milioni aspettano i soldi. Pochi, maledetti e subito…