GP d’Austria, ancora successo per Verstappen. Secondo Bottas e terzo Norris, Hamilton escluso dal podio

GP d’Austria, ancora successo per Verstappen. Secondo Bottas e terzo Norris, Hamilton escluso dal podio

04 Luglio 2021 0 Di Camilla Alcini

GP d’Austria, a distanza di una settimana è ancora successo per Verstappen al Red Bull Ring. Secondo posto per la Mercedes di Bottas e terzo per la McLaren di Norris. Gara difficile per Hamilton, che oggi è escluso dal podio.

 

Verstappen inarrestabile, “è stato chirurgico”

 

Al secondo appuntamento austriaco, la Red Bull può festeggiare ancora grazie al suo Max Verstappen.

Accolto da una marea di tifosi orange, l’olandese chiude il 71esimo giro con la sicurezza di chi è in testa al mondiale piloti e costruttori.

Giù il cappello per il team, io stesso sono sorpreso per la macchina che oggi è stata surreale“, dichiara Super Max a fine gara poco prima di salire sul gradino più alto del podio austriaco, oggi come una settimana fa.

Quella al GP d’Austria è la 15esima vittoria in carriera e il 50esimo podio per il pilota classe ’97.

Secondo Horner, “è stato chirurgico” ma c’è ancora molta strada per diventare campione del mondo. L’attenzione è su Silverstone, roccaforte della Mercedes, ma il team principal ha le idee chiare: la Red Bull non deve “temere nessun circuito“.

 

McLaren, weekend stellare per Lando ma anche segnali positivi (finalmente!) da Daniel Ricciardo

 

Lando Norris lascia l’Austria dopo due weekend incredibili. La prima fila guadagnata il sabato (ad un soffio dalla pole!) e il terzo posto di oggi lo incoronano non ufficialmente primo pilota della McLaren, a soli 21 anni.

Ad incoronarlo ufficialmente, invece, è il sette volte campione del mondo Lewis Hamilton.Gran pilota“, dice in radio durante la gara riferendosi al giovane connazionale appena sorpassato non senza fatica.

Sono deluso perché saremmo potuti essere secondi, credo che la penalità ricevuta sia stata per un incidente di gara. Ma a prescindere dalla frustrazione, sono felice. Alla fine riuscivo a tenere il ritmo di Bottas ma non abbastanza per la zona DRS e dunque per un sorpasso. Sapere di poter competere quasi alla pari con Red Bull e Mercedes però è incredibile”, dichiara il pilota del giorno globale del GP d’Austria.

D’altra parte, l’Austria segna anche una ripresa per l’altro pilota McLaren, Daniel Ricciardo, che questa settimana ha spento 32 candeline. “Ho guadagnato un sorriso in questa gara, che avevo un po’ perso quest’anno. Ritrovare la soddisfazione necessaria per guidare è davvero importante. È stata una gara impegnativa, sempre a difendere“, confessa Ricciardo.

A chi gli chiede perché non riesce a stare al passo del compagno risponde: “Non saprei dire qual’è la difficolta di quest’anno, sto molto bene con la squadra, devo solo trovare qualcosa per stare su con Lando. Sono 32 adesso, forse sono troppo vecchio? “. Ma tra le risate, l’esperto di staccate si congeda promettendo di avere ancora molto da dare alla Formula 1.

 

Ferrari, la pazienza ripaga Sainz ma è Charles a far divertire i tifosi

 

Quinto posto per Carlos Sainz e settimo per Charles Leclerc. I risultati sono frutto di due gare diversissime, dovute a strategie differenti. Sainz parte infatti con la hard e fatica tanto all’inizio per poi concludere in bellezza, mentre Leclerc con la gomma media ci regala dei bellissimi attacchi ma finisce due volte sulla ghiaia.

Perez è stato un po’ troppo aggressivo e infatti ha preso la penalità (due volte +5s, ndr). Ci ha messo in difficoltà, ma mi piace anche essere al limite. Pur avendo puntato ieri su una certa strategia,  avrei sperato in qualcosa di più nel risultato. Per i tifosi noi stiamo lavorando tantissimo, vogliamo tornare a battagliare per la vittoria e spingere al 200%“, sono le parole del monegasco.

D’altra parte lo spagnolo Sainz, che fa un in bocca al lupo generale per la semifinale tra Italia e Spagna degli Europei 2021 in programma martedì, è riuscito a sfruttare al massimo la strategia pensata per lui dalla Ferrari. “Sono felice perché ho fatto molta fatica all’inizio con la hard, finire quinto ti dimostra che le gare sono lunghe e bisogna avere pazienza. In curva andiamo molto forte“.

Un commento sul GP d’Austria anche dal team principal Ferrari, Mattia Binotto, mette in pace l’animo dei tifosi: “Siamo concentrati sull’anno prossimo, conosciamo i difetti e sappiamo di dover lavorare sui rettilinei. Dipende anche molto dalla pista. Complessivamente non è un bilancio drammatico ma vorrei ricordare che il nostro obiettivo non è il terzo posto ma migliorarci ogni settimana. Silverstone ostica, la prossima gara sarà un weekend in difesa. Meglio invece l’Ungheria, ma in entrambi i casi dovremo prepararci per l’usura delle gomme” .

 

Mercedes ufficialmente in difficoltà, ma al GP d’Austria festeggia grazie a Bottas. Occhi puntati su Silverstone

 

La Mercedes è ufficialmente in difficoltà, ma grazie a Valtteri Bottas il team tedesco può ancora gustare la propria dose di champagne.

Nonostante il Red Bull Ring non sia un circuito favorevole alla Mercedes, il bilancio sembrerebbe negativo per gli standard a cui siamo stati abituati. Ma Toto Wolff non è d’accordo: “Oggi la nostra velocità era buona e non possiamo parlare di un disastro“.

Lungi dall’essere un disastro, non è tanto il quarto posto di Lewis Hamilton a lasciare l’amaro in bocca, quanto la fatica per tenere il passo di Red Bull e McLaren. “Buon bottino di punti per il team, ma c’è un gap con la Red Bull che è negativo e va recuperato. È stato sorprendente vedere la McLaren cosi veloce“, confessa Bottas.

 

 

La prossima gara è nel prestigioso circuito inglese Silverstone il 18 Luglio.

Riuscirà Hamilton a recuperare il gap con Verstappen nella sua gara di casa?

 

Classifica piloti aggiornata:

 

  1. Verstappen – 182
  2. Hamilton – 150
  3. Perez – 104
  4. Norris – 101
  5. Bottas  – 92
  6. Leclerc – 62
  7. Sainz – 60
  8. Ricciardo – 40
  9. Gasly – 39
  10. Vettel – 30