Hotel, a Milano i prezzi salgono di più

Hotel, a Milano i prezzi salgono di più

03 Marzo 2016 0 Di Pietro Nigro

Hotel, arriva l’indice dei prezzi 2015 di Hotels.com. L’anno scorso prezzi aumentati dell’1% in tutto il mondo, ma in Italia del 3%. Crescite top a Milano, Arzachena e Positano.

Hotel: in Italia si paga di più

Hotel, prezzi in leggera crescita nel 2015 in tutto il mondo: mediamente, le tariffe sono salite dell’1%. Ma in Italia e nel Nord America l’aumento del conto pagato dai viaggiatori è stato del 3%. Nel Belpaese, il conto medio pagato per una camera è di 129 euro a notte. Così dice l’Hotel Price Index elaborato da Hotels,com per il 2015, secondo cui i prezzi delle strutture ricettive si sono così riavvicinate, un po’, ai livelli pre-crisi del 2011.

 

L’Hotel Price Index viene calcolato sulla base dei prezzi effettivamente pagati dai clienti nelle strutture ricettive delle maggiori destinazioni mondiali che sono presenti nel sito di prenotazioni.

 

 

L’andamento dei prezzi in Italia

Anche il prezzo pagato dai clienti negli hotel italiani, dunque, secondo l’Hpi, è aumentato come e più di quello degli altri alberghi del mondo. Con un prezzo medio per persona per notte di 129 euro, l’aumento è stato del 3%.

Delle quaranta le destinazioni italiane trattate da Hotels.com,28 hanno avuto un aumento, 10 hanno registrato una flessione e le altre due una tariffa sostanzialmente stabile.

Il maggior aumento percentuale dei prezzi è stato registrato a Milano, dove nell’anno dell’Expo le tariffe medie pagate a notte dai viaggiatori sono aumentate del 17% rispetto al 2014, con un prezzo medio salito da un anno all’altro da 128 a 151 euro per camera a notte.

Ma anche Arzachena e Positano hanno registrato un aumento medio del prezzo del 14%, passando rispettivamente a 249 e 248 euro per camera a notte. E non sono da poco nemmeno gli aumenti di città come Olbia e Stresa, dove la media dei prezzi pagati dai clienti è salita rispettivamente del 12 e del 10% e dove la tariffa media è stata di 133 e 177 euro per camera a notte.

All’altro lato della “classifica” di Hotels,com, Parma, dove i cali sono stati del 6% e il prezzo medio è stato di 90 euro per notte, Bellaggio, con cali del 4% e prezzi di 184 euro per camera a notte, e Rimini, con cali del 3% e tariffe medie per notte di 90 euro. A seguire, cali del 2% a Verona, Roma, Bologna, e Bergamo (con prezzi medi di 128, 121, 105 e 96 euro per camera).

 

Ecco le mete più convenienti e le più care

Con questi prezzi, l’indice di Hotels.com permette anche di individuare le mete più “costose”: e qui ritroviamo Arzachena (249 euro per camera a notte) e Positano (248 euro a notte), Capri (236 euro a notte, +8%), Amalfi e Taormina, la prima aumentata del 6% e la seconda dell’1, con prezzi medi di 189 euro per camera a notte.

Al contrario, al top della convenienza, nel 2015, c’è stata Padova, dove una camera mediamente costa 80 euro per camera a notte, seguita da Palermo e Catania (83 euro in media, in calo dell’1% nel capoluogo e in aumento del 3% nell’altro caso). Seguono Pisa (prezzo medio 87 euro per camera a notte, e Rimini, che con i suoi 90 euro, -3% rispetto al 2014, resta la capitale italiana della convenienza nel turismo alberghiero.