I capricci di Di Maio rallentano la trattativa M5s-Pd. Gli Elevati Cinquestelle sistemeranno le cose…

I capricci di Di Maio rallentano la trattativa M5s-Pd. Gli Elevati Cinquestelle sistemeranno le cose…

28 Agosto 2019 0 Di Marino Marquardt
Breve nota a margine sulle ultime ore di trattative sul Goverlo Giallorosso.

I Capricci dell’Anatra Zoppa Cinquestelle, Luigi Di Maio, hanno stancato! Il Giggino da Pomigliano vuole indossare i panni del leone dopo avere indossato per un anno quello da pecora nei confronti dell’ex Socio di Governo, Matteo Salvini. E pretende di nuovo di fare il Vicepremier e il Ministro. Non ha capito che la musica è cambiata!

E basta col Totem della Piattaforma Rousseau! A questo strumento – se proprio lo si vuole mantenere in vita – si dia un valore consultivo e non deliberativo! I dubbi sull’attendibilità dei controlli sono tanti…

Come se non fossero bastati i 6 milioni di voti fatti perdere al M5s in occasione delle elezioni Europee, il Capo Politico del Movimento – di fatto commissariato da Beppe Grillo – ora mette a rischio l’intesa col Pd sull’altare del proprio narcisismo e della propria ambizione.

Di Maio oggi è lo specchio del disorientamento e della inadeguatezza politica di un Movimento che aveva fatto virtù l’essere privo di bussola.

E ora paga pegno.

Non sarà comunque il Giovanotto di Pomigliano a far saltare l’intesa. Gli “Elevati” del Movimento lo costringeranno ad eseguire ciò che Uno di Essi (Beppe Grillo ndr) aveva ordinato nei giorni scorsi attraverso due post sul proprio Blog. Un robusto “vaffanculo” convincerà l’ambizioso Giovanotto! Si accettano scommesse!

28/08/2019 h.07’45