I pinguini come noi: si riconoscono attraverso i sensi

I pinguini come noi: si riconoscono attraverso i sensi

13 Ottobre 2021 Off Di ItaliaNotizie24
Uno studio dei ricercatori UniTo e Zoomarine di Roma ha svelato l’interazione multisensoriale dei pinguini africani, specie a rischio estinzione.

Come gli esseri umani, anche i pinguini riconoscono i loro simili attraverso i sensi

I pinguini africani riconoscano i loro compagni di colonia attraverso i sensi. A trovare la conferma gli studiosi dell’Università di Tornio che hanno pubblicato oggi i risultati del loro studio sulla rivista scientifica Proceeding of the Royal Society B. Lo studio, dal titolo Cross-modal individual recognition in the African penguin and the effect of partnership, è stato realizzato Luigi Baciadonna, Cwyn SolviSara La Cava, Cristina Pilenga, Marco GambaLivio Favaro, che hanno scoperto la capacità dei pinguini africani – specie a rischio di estinzione – di riconoscere i propri simili utilizzando diversi sensi, caratteristica tipica dell’essere umano.

Il cervello umano è in grado di memorizzare le informazioni in modo tale che possano essere recuperate da diversi sensi. Questa integrazione multisensoriale ci permette di formare immagini mentali del mondo ed è alla base della nostra consapevolezza cosciente e della nostra comunicazione sociale, fondamentale per l’interazione con i nostri simili. Le stesse modalità di interazione sono state osservate nei comportamenti dei pinguini africani.

Dopo che coppie di pinguini hanno trascorso del tempo insieme in una zona isolata, uno è stato rilasciato dalla zona, lasciando l’altro, pinguino focale, da solo. Una chiamata vocale è stata immediatamente riprodotta dalla direzione in cui il pinguino ha lasciato. Il pinguino focale ha risposto più velocemente alla chiamata se non corrispondeva all’identità del pinguino che aveva appena visto uscire. Questo comportamento dimostra che la chiamata ha violato le loro aspettative e indica che possono immaginare l’altro individuo nella loro mente e accedere a questa immagine attraverso diversi sensi.

“Questa forma di riconoscimento individuale – ha spiegato Luigi Baciadonna, ricercatore del Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi UniTo e autore principale dell’articolo – è stata precedentemente descritta solo in pochi mammiferi e nei corvi. Il fatto che un uccello filogeneticamente così distante, il pinguino africano, possa formare immagini mentali di altri individui suggerisce che questo complesso sistema di riconoscimento sociale possa essere molto più diffuso di quanto avessimo immaginato”.

“I nostri risultati – afferma Livio Favaro, coautore senior della ricerca per l’Università di Torino – mostrano che questi pinguini non si affidano, come si pensava in precedenza, solo alle informazioni vocali per la comunicazione. Il nostro lavoro apre anche nuove strade per indagare la cognizione complessa in una specie di uccelli non precedentemente nota per la loro intelligenza”.

“I pinguini africani – prosegue Cristina Pilenga, coautrice della ricerca con sede allo ZooMarine di Roma, dove si è svolto lo studio – sono classificati come specie in pericolo dalla IUCN, e quindi la conoscenza delle loro capacità cognitive può essere particolarmente preziosa per aumentare la consapevolezza del loro stato di conservazione”.

“Estendere lo studio della cognizione a specie comportamentalmente distinte – è la conclusione di Marco Gamba, docente di Zoologia all’Università di Torino – ha il potenziale di rivelare come i sistemi sociali e le pressioni ambientali in cui vivono gli animali abbiano modellato le differenze nella cognizione attraverso l’evoluzione”.