Il Premier Giuseppe Conte propone il taglio dell’Aliquota Iva. Regalone ai Ricchi, schiaffo al Lavoro

Il Premier Giuseppe Conte propone il taglio dell’Aliquota Iva. Regalone ai Ricchi, schiaffo al Lavoro

22 Giugno 2020 0 Di Marino Marquardt

Nell’Italia sempre più senza soldi e senza lavoro, ecco spuntare il Coniglio dal Cilindro al termine della Dieci Giorni di Villa Pamphili, la Storica Residenza Romana che ha ospitato gli Stati Generali voluti dal mal consigliato Premier Giuseppe Conte.

Il Coniglio si chiama Taglio dell’Iva, nient’altro in sostanza che un omaggio ai Ricchi, alle Aziende del Lusso e ai Malavitosi con ampia capacità di spesa. Già perché – visti i chiari di luna – il sempre più impoverito Italiano Medio e il Povero sempre più Povero avrebbero ben poco da godere di fronte alla riduzione dell’Imposta su articoli per Loro ormai inaccessibili e inacquistabili per mancanza di liquidità.

Per meglio chiarire le idee ecco lo specchietto che riporta le Aliquote Iva per generi.

4% – Aliquota minima. E’ la percentuale che si paga sui prodotti di primaria importanza, come panetteria, generi alimentari, ecc.

10% – Aliquota ridotta. E’ la percentuale che si paga sui prodotti e servizi del settore turistico (alberghi, pizzerie, hotel, ristoranti, ecc.), ad alcuni prodotti alimentari e ad alcuni casi di recupero edilizio;

22% – Aliquota ordinaria. E’ la percentuale che si paga su tutti gli altri prodotti e servizi a cui non si applicano l’aliquota minima e quella ridotta

Calcolatrice alla mano, considerando che i Consumi dell’Italiano Medio e del Povero si alternano tra la Prima e la Seconda Fascia, è evidente che l’eventuale riduzione dell’Iva riguarderebbe soprattutto l’Aliquota Ordinaria, quella che si applica sugli acquisti di Auto, di Beni di Lusso e di Beni non Necessari.

Provvedimento Classista al tempo dell’Emergenza Economica post-Covid. E Provvedimento nocivo per le Casse dello Stato.

Schifezza peggiore non potevano consigliare all’Avvocato del Popolo Giuseppe Conte.

Detto ciò, invece di giocare sull’annuncio ad effetto del taglio dell’Iva – genericamente spacciato come taglio delle Tasse – il Premier segua i consigli del Segretario del Pd Nicola Zingaretti e – una volta tanto – anche quelli del Capetto di Italia Viva, Matteo Renzi. Le tasse vanno tagliate riducendo il costo del Lavoro e favorendo così l’eventuale Occupazione. Non vanno tagliate per favorire l’acquisto di Balocchi e Profumi da parte di viziati Benestanti. Qualcuno – per favore – lo spieghi all’Inquilino di Palazzo Chigi…

Ps. “Sopra le Righe”, è il nuovo spazio che mi offre il privilegio di poter esprimere opinioni personali su fatti non necessariamente legati alla quotidianità. Uno spazio eretico in cui i pareri del sottoscritto talvolta potrebbero non apparire coerenti con la linea editoriale di Italia Notizie 24. Voltaire docet…

Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola. La maiuscola – insomma – funge da sotttolineatura. Chiedo venia a Quelli della Crusca,,,

 

22/06/2020    h.12.45