Il reggente Cinquestelle Crimi fa eco a Salvini: “Lavoro nei campi, No alla regolarizzazione degli immigrati”. Bella schifezza!

Il reggente Cinquestelle Crimi fa eco a Salvini: “Lavoro nei campi, No alla regolarizzazione degli immigrati”. Bella schifezza!

06 Maggio 2020 0 Di Marino Marquardt

Come nelle Ottocentesche Piantagioni di Cotone dell’America Schiavista, oggi in Italia c’è chi vuole nei campi schiavi senza diritti e non lavoratori regolari.

Nessuna sorpresa se ad avanzare una pretesa del genere fosse stato Matteo Salvini…

A sostenere invece il No alla regolarizzazione dei Migranti – in questa stagione impegnatissimi con la schiena piegata a raccogliere i prodotti della campagna – è tal Vito Crimi, Signor Nessuno assurto alla carica di Capo Politico pro tempore del M5s dopo la fuga di Luigi Di Maio in seguito alle gravi defaillances palesate dal Medesimo nella Gestione del Movimento.

Cinquestelle col Vizietto del Razzismo miscelato con Classismo, dunque.

Il sospetto in merito era del resto già affiorato al tempo del Governo Gialloverde quando Di Maio & Soci tacquero di fronte alle prevaricazioni e alla crudeltà mostrata da Salvini, al tempo Ministro dell’Interno, nei riguardi dei disperati raccolti in mare .

I Cinquestelle, dunque, fanno eco a Salvini. Bene fa la Ministra Teresa Bellanova a minacciare le dimissioni.

Di fronte alle Schifezze, alle Liti, ai Ritardi e ai Ragli che stanno caratterizzando l’avvio della cosiddetta Fase 2 continua a distinguersi la voce di Francesco, il Papa che in questi giorni starebbe meglio a Palazzo Chigi che in Vaticano.

Accogliendo l’appello per la regolarizzazione dei braccianti agricoli e dei tanti lavoratori sfruttati, oggi il Papa ha invitato a restituire a tutti la dignità dell’essere Persona e del lavoro

“In occasione del 1 maggio, – ha ricordato Bergoglio al termine dell’Udienza Generale – ho ricevuto diversi messaggi riferiti al Mondo del Lavoro e ai suoi problemi. In particolare, mi ha colpito quello dei braccianti agricoli- tra cui molti immigrati – che lavorano nelle campagne italiane. Purtroppo questi Lavoratori tante volte vengono duramente sfruttati. E’ vero che c’è crisi per tutti, ma la dignità delle Persone va sempre rispettata. Perciò accolgo l’appello di questi lavoratori e di tutti i Lavoratori sfruttati e invito a fare della crisi l’occasione per rimettere al centro la dignità della Persona e del Lavoro”.

Vox clamantis in deserto…

Ps. “Sopra le Righe”, è il nuovo spazio che mi offre il privilegio di poter esprimere opinioni personali su fatti non necessariamente legati alla quotidianità. Uno spazio eretico in cui i pareri del sottoscritto talvolta potrebbero non apparire coerenti con la linea editoriale di Italia Notizie 24. Voltaire docet…

Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola. La maiuscola – insomma – funge da sotttolineatura. Chiedo venia a Quelli della Crusca…

 

06/05/2020      h.12.30