Joe Jackson annuncia: Suonerò in Italia a luglio

Joe Jackson annuncia: Suonerò in Italia a luglio

28 Marzo 2019 0 Di Pietro Nigro

Unica imperdibile data il 22 luglio a Teatro romano di Fiesole (Firenze) per ascoltare Joe Jackson in concerto.

Joe Jackson, a luglio unico concerto in Italia

Joe Jackson annuncia il suo ritorno in Italia in estate per un’unica imperdibile data: il 22 luglio al Teatro romano di Fiesole in provincia di Firenze (biglietti già in vendita sul circuito Ticketone).

Vero e proprio genio anticonformista della musica internazionale, raffinatissimo e poliedrico come pochi altri artisti, Joe Jackson, che di recente ha ricomniciato a produrre dischi, torna anche in tour.

“Sono passati quarant’anni dal primo tour e abbiamo intenzione di festeggiare a dovere – assicura – Non fare le cose in grande sarebbe come passare la sera del tuo compleanno imbronciato. E mentre cercavo di capire come organizzare al meglio questo show, ho pensato di portare cinque album, ognuno a rappresentazione di una decade”: Look Sharp (1979), Night And Day (1982), Laughter And Lust (1991), Rain (2008) e Fool (2019). Inoltre, faremo qualche brano estratto dagli altri album e anche delle cover. Non vedo l’ora di festeggiare!”.

A gennaio è uscito l’album Fool

Apprezzato e seguito in tutto il mondo, Joe Jackson è tornato sulle scene discografiche dopo 4 anni di assenza.

Il nuovo album, Fool, uscito lo scorso 18 gennaio per Earmusic, è il suo ventesimo lavoro, co-prodotto dal cantautore e dal produttore Pat Dillett (David Byrne, Sufian Stevens, Glen Hansard).

Si conferma anche la stessa formazione del precedente album Fast Forward, con Teddy Kumpel alla chitarra, Doug Yowell alla batteria e Graham Maby al basso, con il quale il sodalizio va avanti dal primo album.

Nella sua ultra quarantennale carriera, Joe Jackson è sempre riuscito a penetrare a fondo lo spirito autentico di ogni stile, spaziando dal punk al reggae, dal rock al blues, dal pop al jazz, dal soul alle colonne sonore, fino alla Classica, senza mai scivolare nella superficialità.

Non c’è praticamente ambito musicale che il suo genio onnivoro non abbia toccato e approfondito, mantenendo sempre standard di qualità elevatissimi.

Quasi senza precedenti nel pop-rock la sua poliedricità di musicista, cantante, paroliere, compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra.

Qui il sito ufficiale dell’artista.