Juve padrona con super Pipita ma Roma e Napoli non mollano

Juve padrona con super Pipita ma Roma e Napoli non mollano

08 Gennaio 2017 0 Di Marco Martone

ALLE SPALLE DEI BIANCONERI SI E’ SCATENATA UNA VERA E PROPRIA BAGARRE. TUTTE LE RIVALI VINCONO SOFFRENDO

Il girone di andata finisce col botto e con tutte le grandi che fanno bottino pieno. I risultati della prima giornata del 2017 accrescono la distanza tra le prime della classe e il resto del gruppo e danno indicazioni molto chiare, anche per quanto riguarda la lotta per la retrocessione, ormai limitata a tre sole formazioni. La Juventus liquida il Bologna con un netto 3-0 (due gol di Higuain) e  sembra fare corsa a se ma alle sue spalle la lotta è aperta. 

Le rivali dei bianconeri, infatti, vincono tutte.  

Vittorie giunte con fatica, quasi sempre nel finale, con un pizzico di fortuna e qualche decisione arbitrale che non ha convinto del tutto gli sconfitti. È accaduto al Napoli contro la Sampdoria (2-1), al Milan con il Cagliari (1-0) e alla Lazio con il Crotone (1-0). Ma anche per Inter e Roma, che hanno superato rispettivamente Udinese (1-2) e Genoa (0-1), la prima domenica dell’anno ha riservato sofferenze e colpi di fortuna.

Alle spalle dei bianconeri, dunque, è sempre più bagarre, con i giallorossi che guidano il gruppo con tre punti di vantaggio sul Napoli. La formazione di Spalletti ha espugnato Marassi, grazie all’autorete di Izzo e ad una prestazione di carattere e personalità. Una vittoria che ha consentito alla Roma di ricacciare indietro la banda Sarri, che sabato aveva battuto in rimonta la Sampdoria. Vantaggio degli ospiti con l’autogol di Hysaj, poi l’espulsione, contestatissima di Silvestre e la “remuntada” azzurra con Gabbiadini e Tonelli, a tempo quasi scaduto. Vincono nel finale anche la Lazio, con Immobile e dopo un gol ingiustamente annullato al Crotone e l’Inter, con un doppio Perisic, dopo il momentaneo vantaggio dell’Udinese. Nel posticipo serale fa festa anche il Milan, che gioisce con Bacca a tre minuti dal novantesimo.

A ridosso dei rossoneri e con due punti più dell’Inter c’è l’Atalanta, corsara (1-4) a Verona con il Chievo e vera rivelazione del campionato. Nella zona calda della classifica perde ancora il Palermo sul campo dell’Empoli (1-0), mentre la neve costringe al rinvio la partita tra Pescara e Fiorentina. Siciliani e abruzzesi, assieme al Crotone, sembrano già condannati all’inferno.