La grande magia sta per arrivare: torna il Lucca Comics & Games

La grande magia sta per arrivare: torna il Lucca Comics & Games

30 Ottobre 2019 0 Di Patrizia Russo

Da mercoledì 30 ottobre fino a domenica 3 novembre Lucca sarà letteralmente invasa per il Lucca Comics & Games, una delle principali manifestazioni in Europa dedicata al fumetto, all’animazione, al gioco in tutte le sue forme (da tavolo, di ruolo, videogioco…), al cinema, alla letteratura fantasy e alle suggestive “parade” dei cosplay.

Becoming Human: tema scelto per l’edizione 2019

Come ogni anno la città viene letteralmente invasa da uno “strano pubblico” e strani personaggi. Sono gli appassionati del fantasy che da 53 anni si danno appuntamento nel periodo della festività dedicata ad Halloween a questo Festival vero e proprio. Il tema scelto per l’edizione 2019 è Becoming Human un tributo a questa e a tutte le commistioni, che danno ricchezza e aprono al futuro. Tra virtuale e reale, digitale e analogico, sonno e veglia, carne e metallo, silicio e carbonio, tutti gli incontri sono possibili a Lucca Comics & Games, tutte le storie che vengono raccontate ci faranno scoprire cosa significhi “essere umani”.

Manifesto edizione 2019

 

Passeggiando tra le piazze di Lucca per visitare le mostre del C&G

Fiore all’occhiello del programma culturale del Festival, le mostre sono uno degli appuntamenti più attesi e partecipati dagli appassionati di tutti i mondi celebrati a Lucca Comics & Games. Dai maestri del fumetto internazionale alle grandi saghe del fantastico, dall’illustrazione per ragazzi agli studi per giochi e animazioni, fino al modellismo e alla fotografia, tutti i mondi del possibile si offrono al grande pubblico nella veste più bella, curata ed elegante, in palazzi storici lucchesi che combinano la tradizione artistico-architettonica italiana con la creatività da tutte le epoche e da tutto il pianeta, all’insegna della più pura e affascinante crossmedialità. Lucca C&G è un evento diffuso che occupa numerose aree della città. È proprio piacevole passeggiare tra le stradine, chiese e antichi palazzi di Lucca per visitare le numerose mostre proposte!

Nella splendida cornice di Palazzo Ducale si possono visitare diverse mostre: una dedicata a Suehiro Maruo (maestro del fumetto giapponese che spazia tra l’horror e l’erotico); Emil Ferris premiata con il Gran Guinigi 2018 alla miglior graphic novel, diventata un caso editoriale con oltre 70.000 copie solo negli USA; all’italiana Barbara Baldi, autrice del poster di questa edizione del Festival, colorista e illustratrice affermata, con due graphic novel si è già imposta all’attenzione del panorama internazionale; fino allo sceneggiatore Alessandro Bilotta, pluripremiato autore di numerose serie cult; Armand Baltazar, è stato un senior art director per DreamWorks, Disney e Pixar.

#Discovery – Mostre Palazzo Ducale

La prima tappa del nostro particolare itinerario può dunque partire proprio da Piazza Napoleone, la piazza più grande della città, che prende il nome da Elisa Bonaparte, la sorella dell’imperatore francese. Questa grande piazza ospita appunto Palazzo Ducale e poco lontano il Teatro del Giglio.

Nella Chiesa dei Servi, suggestiva chiesa in stile romanico, si può visitare la prima e più grande mostra al mondo dedicata a John Buscema uno dei maestri indiscussi del fumetto, definito il Michelangelo dei Comics. Nel visitare la mostra – Thor e Conan: umanità aumentata – sarà possibile vivere l’incredibile esperienza di leggere due storie complete, una di Conan e una di Thor, figure mitiche delle saghe occidentali, direttamente dalle tavole su cui ha lavorato l’artista.

Per raggiungere la bellissima location della mostra da Piazza Napoleone si passa da un’altra bella piazza Piazza San Martino che ospita la magnifica Cattedrale, capolavoro del rinascimento, arricchita con elementi tipici dello stile romanico lucchese, dove è custodito il celebre sarcofago di Ilaria del Carretto, giovane moglie di Guinigi, signore di Lucca. Altre opere straordinarie da non perdere sono la statua del Cristo Nero, molto venerata in tutta Europa e la straordinaria Ultima Cena del Tintoretto, uno dei suoi ultimi capolavori realizzata con l’aiuto del figlio Domenico. Sul muro esterno della facciata c’è un’incisione che raffigura un labirinto, accompagnato da una incisione latina che recita: “Questo è il labirinto costruito da Dedalo cretese dal quale nessuno che vi entrò poté uscire eccetto Teseo aiutato dal filo d’Arianna”.

#Respect - Duomo

#Respect – Duomo

Non lontano dal Duomo presso il Palazzo dell’Illustrazione – Fondazione Banca del Monte di Lucca – si possono visitare due distinte mostre. La prima Le origini del Manga – Da Hokusai al manga moderno – ideata e curata dal direttore del Museo d’arte orientale Mazzocchi di Coccaglio, Paolo Linetti, con il coinvolgimento di alcuni fra i più accreditati esperti di settore, analizza il percorso che lega la secolare tradizione illustrazione giapponese del XVII secolo ai manga del XXI, attraverso una selezione di circa 200 opere del grande Katsushika Hokusai, che fra emaki e xilografie, per la prima volta riunirà le tre serie delle celeberrime “Onde”. Verso la fonte del fumetto giapponese risalendo fino al XVI secolo. La seconda – Con passi leggeri – presenta una panoramica delle illustrazioni già edite del pluripremiato Marco Somà, uno degli illustratori per ragazzi più amati ed apprezzati. Saranno presentate in anteprima alcune tavole della versione illustrata dell’Infinito di Giacomo Leopardi e del nuovo libro su King Kong, scritto da Luca Tortolini e in uscita per Kite Edizioni che mostrerà lo scimmione più famoso del mondo in una veste del tutto inedita. Non lontano dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca si trova Palazzo Arnolfini. Questa splendida dimora ospita altre due mostre. Adrian Smith – A World of Hate! – dove saranno fruibili molti originali di uno dei prossimi giochi prodotti dalla CMON e la Guillotine Games: Camelot, questo il nome di lavorazione, sarà un gioco basato sul folklore britannico. Ma saranno esposti anche diversi originali dei suoi primi lavori per la Games Workshop tratti da Warhammer 40.000 e un’ampia selezione di lavori digitali e originali del suo personale progetto fumettistico poi diventato anche un gioco da tavolo con miniature edito dalla CMON e la Guillotine Games, Chronicles of HATE. Oltre a questa si potrà vedere Luca Carboni – Bologna è un’immagine – la prima mostra personale dei quadri del popolare cantautore bolognese che ha spesso realizzato in prima persona i disegni per le copertine dei suoi dischi. Appassionato da sempre di fumetti e illustrazione, passione derivata anche dagli incontri con Bonvi, nell’ultimo album, Sputnik, si è ispirato ironicamente alla grafica sovietica degli anni ‘60-’70, uno stile che ha influenzato moltissimi disegnatori di fumetti e illustratori occidentali.

Il percorso tra le vie della città ci porta ad un’altra incredibile piazza Piazza Anfiteatro, senza prima però non alzare almeno per un attimo gli occhi al cielo e ammirare la Torre dei Giunigi, monumento-simbolo della città. La caratteristica principale e quasi unica di questa torre è che sulla sua sommità ospita un piccolo, ma originale giardino pensile costituito da lecci. Piazza dell’Anfiteatro, sorta sui resti di un anfiteatro romano di cui ricalca perfettamente il perimetro oggi è il salotto della città ricco di bar, negozi e ristoranti e da abitazioni che la circondano dandole un aspetto unico.

L’abbraccio delle Mura alla Città

La visita di Lucca non può iniziare o concludersi che dalle Mura che ancora circondano la città quasi a volerne preservare la bellezza. Realizzate nel ‘500 racchiudono il centro storico percorso e costituiscono il vero e proprio segno distintivo. La parte superiore delle Mura fu trasformata in passeggiata da Maria Luisa di Borbone. Alte, possenti, larghe, un viale alberato che corre senza interruzione per quasi cinque chilometri con panchine, sculture moderne; oggi frequentate da amanti del jogging, ciclisti, famiglie e coppie innamorate.

La vista della città dalle Mura è suggestiva, passeggiando è possibile osservare piccoli giardini, splendide ville in stile liberty, una parte del giardino botanico, austeri palazzi medioevali e residenze dall’atmosfera barocca, come palazzo Pfanner http://www.palazzopfanner.it/

Proprio sulle mura possiamo fermarci alla luce del tramonto che illumina chiese, palazzi e case fatte di pietra con tetti rossi in terracotta per una squisita cena al ristorante San Colombano. Apparecchiatura elegante, personale gentile e professionale, menù curato, piatti molto ben presentati, locale tranquillo e con una bella atmosfera sia dentro che fuori dal locale.

Una città che negli anni ha vissuto all’ombra delle più famose Firenze e Pisa, ma che con il tempo si è saputa ritagliare uno spazio tutto suo nell’incoming toscano. Oggi è un fiore all’occhiello per il turista che ricerca luoghi ricchi di storia e cultura, lontani dai ritmi frenetici delle città turistiche per eccellenza. Oltre che per le bellezze di una città a misura d’uomo, altri motivi per visitare Lucca sono i tanti eventi che hanno acquisito una visibilità internazionale per interesse e avanguardia (oltre il Lucca Comics & Games https://www.luccacomicsandgames.com/it/2019/home-2019/ si ricorda l’evento musicale Lucca Summer Festival https://www.summer-festival.com/ e il Lucca Digital Photo fest,http://www.photoluxfestival.it/it/, importante festival della fotografia e dell’arte visiva).