La voglia matta di Confindustria di fronte alla Torta UE e l’avviso di burrasca per la prossima chiusura dei rubinetti assistenziali

La voglia matta di Confindustria di fronte alla Torta UE e l’avviso di burrasca per la prossima chiusura dei rubinetti assistenziali

01 Giugno 2020 0 Di Marino Marquardt

Fumo negli occhi, avrebbero cantato negli Anni Sessanta i Favolosi i Platters…

Già perché bla bla bla, le Chiacchiere della Politica stanno a zero di fronte alla sempre più incalzante Emergenza Economica che continua ad abbattersi sulle Famiglie e sulle Persone Deboli del Nostro Paese.

Fumo e nulla più, come nella Famosa Canzone…

Le parti nella Commedia post-Covid sono note: da un lato la voglia matta del Partito Trasversale di Confindustria di mettere le mani sulla appetitosa Torta messa in cottura da Angela Merkel, Emmanuel Macron e Ursula Von der Leyen; da un altro lato la minaccia dell’esplosione della rabbia sociale da parte di Quanti il Covid ha portato via Soldi e Lavoro.

Sullo sfondo della Scena dominano la ferraginosità della Macchina Burocratica – una ferraginosità che ritarda l’immissione di denaro fresco in circolo – e l’inevitabile snervante corsa ad ostacoli tra dettagli e cavilli dei Nuovi Decreti comprensibili soltanto agli Iniziati.

Il Quadro è quello che è. E i prossimi giorni per il Governo Giallorosso saranno particolarmente difficili tra tensioni e proteste destinate ad acuirsi anche in vista della prossima chiusura dei Rubinetti Assistenziali.

Eppure – al lume di buonsenso – la ricetta per risolvere il grosso dei problemi è facile facile.

Sono infatti soltanto quattro gli ingredienti principali secondo il punto di vista di Chi Scrive che Economista non è. Ma che di buonsenso ne ha da vendere:

Primo: rivedere il meccanismo e le modalità del pasticciato Reddito di Cittadinanza e le relative modalità di accesso al Sussidio attraverso la introduzione di una Unica Misura di Sostegno Economico comprensiva di Cassa Integrazione (Ordinaria e in Deroga) e dell’Assegno di Disoccupazione;

Secondo: provvedere ad un sostanziale e robusto taglio del Costo del Lavoro;

Terzo: prevedere più severe sanzioni per Fruitori e Prestatori di Lavoro Nero;

Quarto: procedere ad una robusta semplificazione dei Procedimenti relativi all’Avvio di Nuove Attività attraverso la Sburocratizzazione del Paese.

Sono questi gli ingredienti-base – a sommesso avviso di Chi Scrive – della ricetta buona per non far precipitare nella disperazione i Milioni dei Nuovi SenzaReddito, per scongiurare Tensioni e Rivolte Sociali, per favorire il rilancio dell’Economia e dell’Occupazione e per acquietare Confindustria.

Una ricetta del resto già nota a Chi di Dovere. Spesso reclamizzata ma mai applicata. Ci provò – ma senza successo – anche l’allora Ministro Roberto Calderoli…

E’ una ricetta che – in sostanza – potrebbe conciliare la doverosa attenzione ai Deboli (sempre più poco e male rappresentati dalla Politica) con le immancabili genuflessioni dei Palazzi della Politica al Partito Trasversale di Confindustria

Ovviamente è una questione di Soldi. Molto dipenderà se è vera l’indiscrezione secondo la quale – dietro le quinte del roboante Annuncio della Presidente della Commissione Europea – i Burocrati Europei stiano già lavorando alla miniaturizzazione della Montagna di Miliardi destinata al Nostro Paese.

Tra il dire e il fare – recita l’Antico Adaggio – c’è di mezzo il mare…

Ps. “Sopra le Righe”, è il nuovo spazio che mi offre il privilegio di poter esprimere opinioni personali su fatti non necessariamente legati alla quotidianità. Uno spazio eretico in cui i pareri del sottoscritto talvolta potrebbero non apparire coerenti con la linea editoriale di Italia Notizie 24. Voltaire docet…

Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola. La maiuscola – insomma – funge da sotttolineatura. Chiedo venia a Quelli della Crusca…

01/06/2020     h.08.15