Home Lifestyle Motori Lancia Delta e Fiat Panda 4×4: eccole su RuotestoricheTv

Lancia Delta e Fiat Panda 4×4: eccole su RuotestoricheTv

22
0

Lancia Delta nella sezione Anniversari e Fiat Panda 4×4 nelle monografie: ecco le regine della prima puntata del 2019 di Ruotestorichetv.

RuotestoricheTv, la prima puntata del 2019: Lancia Delta e Fiat Panda 4×4

 

Delta, quarant’anni fa il lancio della nuova ed elegante berlina Lancia

Nel 2019 si festeggiano i 40 anni dal lancio della Lancia Delta, una delle vetture di successo disegnate dal poliedrico Giorgetto Giugiaro.

La Lancia Delta nel 1979 viene a riprendere un posto vacante dal 1973 nella gamma Lancia, ossia quello della berlina media, elegante e ben rifinita che aveva visto nella Fulvia berlina la sua antesignana.

Il successo della Delta si deve ad un mix di contenuti che partono dall’estetica, moderna ed attuale, tanto da rimanere in produzione fino al 1993, a dimensioni compatte, che la rendono valida per i giovani, per le donne, nonché per un ceto medio alto che non voleva apparire, ma avere una vettura con un certo grado “aristocratico”.

Questo effetto, nel marchio Lancia, creava ancora un riferimento preciso. Confortevole, sicura, con una meccanica classica e potenziata rispetto alla cugina Fiat Ritmo, riesce a crearsi uno spazio suo e conquista nel 1980 l’allora ambito premio di “Auto dell’Anno”.

Solo nel primo anno ne vengono prodotte e vendute 100 mila. Il successo è tale che anche a causa dell’inflazione, ma anche grazie all’interesse creato dal modello nei primi cinque anni di vendite, la Delta sarà una delle vetture che meglio terranno il valore commerciale nell’usato.

La nascita poi nella seconda metà degli anni ’80 delle versioni integrali la faranno diventare un oggetto di cult.

Panda 4×4, il piccolo Fiat che sfida alla pari i fuoristrada più grandi

Parlando di 4 ruote motrici, parleremo della prima Panda 4×4 un’altra vettura che è passata alla storia per essere la diretta concorrente di veri fuoristrada come i Suzuki Sj/Santana. Le sue dimensioni compatte, la sua meccanica affidabile, la trazione 4×4 inseribile, la rendono una vettura immortale che ha circolato e circola sulle colline e sugli erti colli della nostra bella Italia.

Seguiteci !

CONDIVIDI
PrecedenteMaria Teresa De Filippis, il ‘pilotino’
SuccessivoOpel storiche, il 18 maggio a Mantova il 10° Meeting internazionale
Classe ’61, sposato dal 1983 con due figli, ha esordito in ambito professionale in una emittente locale bresciana ove ha fatto esperienza a tutto campo fino ad arrivare al ruolo di segretario di produzione, per passare poi al settore commerciale Automotive dove nel 2006 ha maturato un Master in Gestione Commerciale d’Impresa. Dal 2007 si occupa in prevalenza di auto di interesse storico, sportive e da collezione. Attualmente è Project Manager della “Divisione Classic” di Franzoni Auto (www.franzoniauto.com/divisioneclassic ). Come giornalista non professionista scrive per alcune riviste di settore e si occupa anche della comunicazione aziendale per conto di alcune associazioni e club di auto storiche. Tra queste si segnala il suo contributo come Promoter della Fondazione “Giorgio Brunelli” per la Ricerca sulle Lesioni del Midollo Spinale” e la sua partecipazione attiva nel direttivo della A.A.V.S federata alla FIVA (www.aavs.it). E’ inoltre Socio Onorario con incarico di Ufficio Stampa del Club Volkswagen Italia, Vice Presidente del Biturbo Club Italia, Ufficio Stampa dell’Opel Fans Italy e dell’artista Luana Raia “Eventi”.