L’ex Scout pronto a mollare il Pd. Lavori in corso per “Italia Democratica con Renzi”

L’ex Scout pronto a mollare il Pd. Lavori in corso per “Italia Democratica con Renzi”

23 Maggio 2018 0 Di Marino Marquardt

Indiscrezioni ricorrenti indicano la futura nascita del Partito personale dell’ex Leader del Nazareno.

Una “Creatura” Frankensteniana con i soldi delle Fondazioni fiancheggiatrici della Leopolda e con le risorse di Berlusconi

“Dove credi di andare se il tempo che è passato non passerà mai…”, cantava Sergio Endrigo.

Già, dove crede di andare l’ex Capo Scout di Rignano sull’Arno dopo tutti i danni arrecati al Welfare del Paese e al Pd?

L’interrogativo sorge spontaneo di fronte alle voci che si stanno rincorrendo negli ultimi giorni in seguito all’ultima mazzata elettorale rimediata dal Pd in Valle d’Aosta e in previsione delle prossime legnate in occasione delle Amministrative di metà giugno. Mazzate che vanno a braccetto con quelle subite da Forza Italia. Entrambi i Partiti – come è noto – sono rimasti fuori dal Consiglio regionale. Cancellati dagli elettori.

Ed ecco tornare alla mente il refrain della canzone di Endrigo…

Già perché corre voce che il Giovane Becchino del Nazareno stia lavorando a una nuova creatura assemblata con pezzi degli Zombies del Pd e di Forza Italia.

Un mostro renzusconiano costruito seguendo gli insegnamenti del mitico dottor Frankenstein.

Un mostro generato col sostegno delle Fondazioni che a Lui fanno capo e che durante questi anni di lotta e di governo si sono economicamente attrezzate, con la vicinanza degli amici Marco Carrai e Davide Serra – onnipresenti quando si tratta di affari – e col contributo dei soldi dell’Immarcescibile di Arcore. Il tutto – sussurrano i maligni – all’ombra di cappucci, grembiulini e compassi…

Un nuovo contenitore teso a rilanciare il mito del Macron “de noantri”

Secondo gli architetti del nuovo progetto si tratterebbe – in sostanza – di dar vita a un nuovo contenitore teso a rilanciare il mito del Macron “de noantri”.

Già pronto logo e nome del nuovo Partito: “Italia Democratica con Renzi”.

Una sfida e una scommessa anacronistica. Il Paese è cambiato ma non tutti hanno compreso il senso della rivoluzione “dolce” delle urne del 4 Marzo. Tra quanti non hanno saputo interpretare il messaggio figurano Renzi e Berlusconi. E se il progetto decollerà i Due rischieranno una nuova cocente delusione. Il tempo per loro – se ne facciano una ragione – è implacabilmente scaduto.