Londra, è nato il royal baby di Meghan e Harry: è maschio

Londra, è nato il royal baby di Meghan e Harry: è maschio

06 Maggio 2019 0 Di Pietro Nigro

Fiocco azzurro a Windsor, dove la principessa Megan, moglie di Harry, ha dato alla luce il royal baby: è il settimo in linea ereditaria al trono inglese.

E’ nato il royal baby di Harry e Meghan

E’ nato oggi a Windsor, nel sobborgo reale a ovest di Londra, il “royal baby“, il primo figlio dei duchi del Sussex, il principe Harry (34 anni) e sua moglie Meghan (37): si tratta del settimo in linea di successione al trono, dopo suo padre, nonché del primo “meticcio” della famiglia reale inglese. “E’ bello da morire”, ha detto entusiasta il novello padre.

Per dare la notizia, Harry e Meghan hanno usato il mezzo più moderno che si possa immaginare: il loro account ufficiale su Instagram ufficiale. Ma, come da tradizione consolidata a Londra, qualche ora più tardi a Buckingam Palace, residenza ufficiale dei sovrani inglesi dal 1837, è stato diramato anche un più formale e tradizionale avviso, stampato su un cartello e messo su un cavalletto al centro del piazzale.

Le cronache di palazzo reale riferiscono che il bambino è nato – in leggero ritardo – nelle prime ore del mattino di oggi, e alla nascita pesava 3,26 kg: il neonato e la madre stanno bene. E poiché non gli è stato ancora dato un nome, sono impazzite le scommesse dei bookmakers, secondo cui i nomi più gettonati sarebbero James, Alexander, Albert, Philip e Arthur.

È stato fantastico, assolutamente incredibile. Sono così incredibilmente orgoglioso di mia moglie e, dato che ogni padre e ogni genitore direbbe che il tuo bambino è assolutamente incredibile, questa piccola cosa è assolutamente da morire – ha detto il principino Harry ai giornalisti – Come qualsiasi donna fa quello che fa è oltre la comprensione, ma siamo entrambi assolutamente elettrizzati e così grati a tutti l’amore e il sostegno di tutti là fuori“.

A quanto si apprende, il principino Harry, secondo figlio di Lady Diana e nipote della regina Elisabetta, ha assistito insieme alla madre della puerpera Doria Ragland alla nascita dell’erede, che nonè ancora chiaro se sia avenuta in ospedale o “in casa”, a Frogmore Cottage, nella tenuta del Castello di Windsor dove Harry e Meghan si sono sposati a maggio 2018 e dove vivono da qualche tempo.

La nascita, a quanto riferiscono le fonti ufficiali di Buckingam Palace, è stata ccolta con piacere “dallintera famiglia reale”, ivi compresi i parenti della defunta madre Diana. E anche il padre di Meghan, Thomas Markle, ex direttore luci per soap opera e sit-com negli Stati Uniti, ha detto di essere stato contento della notizia. “Sono orgoglioso che il mio nuovo nipote sia nato nella famiglia reale britannica e sono sicuro che crescerà per servire la corona e il popolo della Gran Bretagna con grazia, dignità e onore“, ha detto in una dichiarazione al giornale Sun.

Invece, ad essere letteralmente impazziti sono i fan della famiglia reale, in Gran Bretagna e non solo: e ciò perché il principino Harry, che tutti ricordano camminare appena dodicenne dietro al feretro della madre morta tragicamente nel 1997. E anche il royal baby della inedita coppia reale anglo-americana piace alla gente, sebbene sia lontanissimo dal trono: il piccolo, infatti, potrebbe aspirare alla successione solo dopo il principe Carlo, lo zio William e i suoi due figli, e appunto il padre Harry.

Il primo “meticcio” della dinastia reale dei Windsor

Il bambino è l’ottavo pronipote della regina, che a 93 anni è il sovrano più longevo del mondo, ed ha la doppia cittadinanza, britannica del padre e americana della madre. Ma, secondo le regole nobiliari inglesi, il neonato non diventa automaticamente principe, ma potrà ottenere il titolo per “concessione” della nonna.

Il fatto che il royal baby sia il primo “meticcio” della famiglia reale inglese – i nonni materni sono un bianco e una afro americana, ha attirato non poco l’attenzione dei commentatori di “cose reali”, secondo cui questa nascita è un fatto molto importante e significativo: in pratica, sostengono gli osservatori, “è il simbolo di una monarchia più moderna. Fa appello alle persone in tutto il mondo – ha detto la biografa reale Claudia Joseph – che saranno in grado di identificarsi con la famiglia reale come mai prima d’ora“.