Malta, l’artista Sarah Portelli produce mascherine di design per beneficienza

Malta, l’artista Sarah Portelli produce mascherine di design per beneficienza

26 Marzo 2020 0 Di Francesca Pierpaoli

 Nella lotta al coronavirus la solidarietà è importante. Lo ha capito bene Sarah Portelli, una giovane artista maltese che ha deciso di produrre mascherine artigianali e di design da vendere su Facebook. Tutto il ricavato viene devoluto alla FoodBank Lifeline Foundation e alla Millennium Chapel, per l’acquisto di beni alimentari di prima necessità.

Sarah racconta a IN24Malta l’origine del suo progetto e spiega come poter contribuire.  

 Mascherine mediche, moda e volontariato: come ti è venuta l’idea?

Quando il virus ha raggiunto le coste maltesi, mi sono sentita impotente. Sono laureata in storia dell’arte, so come gestire correttamente i dipinti, non i pazienti. Volevo, quindi trovare un modo di essere utile, seppur da remoto. L’idea è nata dopo aver discusso della necessità di maschere per il viso con un mio amico. La conversazione si è poi spostata verso il picco di disoccupazione che sarebbe inevitabilmente dovuto alla crisi. Mia madre e io avevamo già donato alcune provviste alla banca del cibo gestita dalla Millennium Chapel, a Paceville, prima di iniziare questa campagna.

Avrei voluto donare molti soldi con i miei fondi, ma sono una designer/artista full time ad inizio carriera e il mio reddito non è gran che. Tuttavia posso contare su una rete di sicurezza stabile su cui contare in caso di necessità, una fortuna che molti altri non hanno e finiscono per rivolgersi a ONG come la Food Bank quando il loro reddito già limitato si interrompe del tutto, in momenti difficili come questo.

Le maschere sono qualcosa di relativamente semplice e poco costoso da realizzare, eppure qualcuno già iniziato a accumulare quelle usa e getta e rivenderle a un prezzo gonfiato. Dire che questa situazione mi irrita è un eufemismo. Così ho deciso di produrre io delle mascherine e di metterle in vendita su Facebook: mi aspettavo di raccogliere forse € 50 da amici e parenti, ma è decollato davvero e in due giorni sono stato sommersa da richieste.

Quante maschere puoi produrre?

Finora abbiamo prodotto oltre 140 maschere in tutto. Ora ho smesso di accettare ordini per il momento, in quanto ho bisogno di concentrarmi su un altro progetto di raccolta fondi; una mostra online di alcune delle mie ultime opere d’arte che si apre questa sera. Il 60% dei fondi raccolti durante questa mostra andrà in beneficenza e sarà aperto fino al 2 aprile.Potrei riaprire le ordinazioni per le maschere la prossima settimana, dopo che la mostra sarà finita, se avrò abbastanza richieste.

Note su materiali e sicurezza?

Le maschere sono incredibilmente semplici da realizzare, sono costituite da un rettangolo di tessuto a trama fitta che viene piegato a metà e poi pieghettato sui lati. Come per tutte le altre mie creazioni sartoriali, utilizzo solo abiti di seconda mano e tessuti di scarto che altrimenti verrebbero gettati via. Ricevo questi tessuti da una varietà di fonti diverse, vale a dire Recycle Malta, amici, parenti, conoscenti, progetti di lavoro e persino clienti.

Queste mascherine sono efficaci contro il Covid-19?

Queste maschere sono efficaci quanto le maschere rettangolari che si possono acquistare in farmacia. Vale a dire che sono efficaci per le persone normali che svolgono la loro vita quotidiana, come andare a fare la spesa o al lavoro. Non sono, invece, progettate per gli operatori sanitari che potenzialmente entrano in contatto con persone che hanno il virus, ma sono efficaci nel ridurre al minimo il rischio di potenziale trasmissione. Uso solo tessuti a trama fitta per queste maschere e consiglio vivamente a chiunque ne acquisti uno di lavarli accuratamente dopo ogni uso. I marchi usa e getta generano una quantità folle di rifiuti che possono essere facilmente evitati cooptandoli per opzioni riutilizzabili.

In che modo le persone possono acquistare e aiutare?

Per il momento abbiamo chiuso le commissioni poiché siamo completamente esauriti, tuttavia se le persone desiderano contribuire, sono invitati a dare un’occhiata alle opere d’arte e alla merce in vendita durante la mostra online o a donare direttamente alla banca del cibo.

Cosa hai comprato con il primo reddito, per la banca del cibo? Di quali beni hanno bisogno di più?

Con il primo lotto di donazioni abbiamo acquistato pasta, riso, polpa di pomodoro, verdure in scatola e frutta, cereali e carni in scatola. Al momento stanno esaurendo tutte le loro scorte, quindi hanno urgentemente bisogno di tutto.

Le tue maschere sono belle e colorate, c’è qualcosa che ti ispira?

Quando ho scelto i tessuti, ho prima guardato la tessitura della trama e poi il motivo. Ho dei bellissimi tessuti che non potevo usare semplicemente perché sono troppo sottili. Come in tutte le altre mie creazioni tessili per Patchwork, utilizzo solo abiti o tessuti di seconda mano che sarebbero stati gettati via, il che ha permesso di trovare abbastanza materiale per soddisfare la domanda. Personalmente prediligo i colori forti e chiassosi, tuttavia ho incluso un numero di toni più tenui che i potenziali clienti possono ordinare.