Malta, lo chef Rafael Sammut al servizio dei più sfortunati nell’emergenza Coronavirus

Malta, lo chef Rafael Sammut al servizio dei più sfortunati nell’emergenza Coronavirus

31 Marzo 2020 0 Di Francesca Pierpaoli

Fondatore di ristoranti di successo come The Pulled Meat e Briju, lo chef Rafael Sammut ha una cultura del cibo radicata nel km zero, predilige prodotti freschi locali ed è un convinto assertore che “insieme si possono fare grandi cose per aiutare gli altri”.

Così, fedele a questo ideale, ha deciso di offrire ogni giorno dei pasti caldi completi a tutti coloro che in seguito all’emergenza Covid-19 si trovano in difficoltà. Si chiama Victory Kitchen, ed è un progetto coltivato con amore e dedizione che è stato abbracciato senza riserve anche dal suo staff.

Tutti possono contribuire fornendo alimenti che poi Rafael cucinerà, o chiedendo aiuto. In modo semplice e senza vergogna. Si può chiamare al tel. 2124 2244 per offrire supporto e contribuire al progetto di beneficienza di Rafael, lui vi dirà cosa serve di più.

IN24MALTA ha raccolto la sua testimonianza.

Sei un cuoco famoso qui a Malta, cosa è successo ai tuoi ristoranti con lo scoppio dell’epidemia di Covid-19?
Abbiamo un certo seguito di persone che amano mangiare. Sfortunatamente, quando ho capito la gravità di questo virus, non mi è rimasto altro da fare che chiudere il negozio, per fermare l’afflusso quotidiano di persone nel ristorante. Mi ha spezzato il cuore dover fare ciò, ma non c’era altra scelta.

Come ti è venuta l’idea di una Victory Kitchen?
Penso che sia stato un mix di due cose. In primo luogo mio padre è sempre stato estremamente influente su di me, partecipa a una serie di enti di beneficenza locali e penso che questo sia ciò che mi ha fatto influenzato nel creare una VK. In secondo luogo, volevo sinceramente continuare a cucinare: tutti sapevamo che questo virus avrebbe avuto un impatto molto negativo sulla società e che sarebbero state necessarie più persone. Ho presentato questa idea ai miei chef, si sono subito offerti volontari per dare una mano e siamo partiti.

Come funziona il progetto? Quanti pasti puoi fornire quotidianamente?
La scorsa settimana abbiamo fornito e una media di 15 pasti al giorno – la prossima settimana spero di più del doppio e così via. Speriamo di fornire il più possibile.

Perché hai scelto questo nome?
Non molto tempo fa ho trascorso il fine settimana a La Valletta per la festa di San Paolo. Mentre girovagavo per le strade, ho oltrepassato la “cucina della Vittoria”, che era stata allestita durante la Seconda Guerra Mondiale. Il nome Victory Kitchen mi è venuto ripensando a quel momento.

Che tipo di cibo prepari a questo scopo? Servi i tuoi piatti abituali o hai qualche ricetta speciale o ingredienti che preferisci?
No, prepariamo pasti semplici ma casalinghi. In genere un pasto consiste in una zuppa calda, una portata principale e un muffin o una torta per dessert. Aggiungiamo anche frutta fresca / verdura e talvolta anche cibi secchi, se necessario.

Qual è stata la reazione a questa iniziativa?
Sicuramente una reazione sincera. Da entrambe le parti, le persone che hanno ricevuto il cibo sono state estremamente grate, così come un è emersa una grande generosità da parte del pubblico che è salito a bordo per dare una mano.