Mandrakata berlusconiana: nasce il Movimento Animalista della Brambilla

Mandrakata berlusconiana: nasce il Movimento Animalista della Brambilla

21 Maggio 2017 0 Di Marino Marquardt

Silvio e Michela Vittoria Brambilla presentano il Movimento animalista: ennesima mandrakata berlusconiana trasversale a destra e Sinistra.

Nasce il Movimento animalista della Brambilla

Una mandrakata in grande stile! Soltanto Lui poteva pensarla e soltanto Lui poteva proporla. Una mandrakata preparata a tavolino e programmata nel tempo, dall’investitura di Dudù a ospite d’onore di casa Berlusconi al biberon offerto all’agnellino ospite nel giardino di Arcore alla vigilia dell’ultima Pasqua.

Silvio non è nuovo a simili invenzioni.

“Fozza Itaia”, il 6 x 3 con immortalato il bimbo che sembrava testimonial del latte più che di un nuovo partito politico prossimo alla nascita. Ricordate? Per mesi il volto del bimbo incrociò i percorsi in auto degli italiani. Accadeva nella prima metà degli anni ’90.

La presentazione del Movimento ambientalista a Milano con Silvio Berlusconi e Michela Brambilla (ph. Agenpress).

La presentazione del Movimento ambientalista a Milano con Silvio Berlusconi e Michela Brambilla (ph. Agenpress).

Oggi il volto del bimbo nell’immaginario collettivo animalista è stato sostituito da quello di Michela Vittoria Brambilla, una rossa signora ancora piacente e ben conservata dal collaudato amore per gli animali non umani.

Ed ecco dal cilindro berlusconiano spuntare il Movimento Animalista di cui la Rossa è presidente e Silvio socio fondatore. Un nuovo soggetto politico trasversale destinato a catturare simpatie a Destra e a Sinistra.

Una genialata fondata sull’empatia di milioni di persone verso i non umani senzienti, una genialata che potrebbe portare a ridisegnare il quadro politico nazionale.

E’ vero, un Partito Animalista in Italia sulla carta già esiste. Ma con scarso successo anche a causa della poca visibilità. E’ infatti un soggetto che non ha la “forza di fuoco”, i mezzi economici, la capacità di promozione e la visibilità che potenzialmente già ha questo nuovo Movimento animalista appena nato.

Sempre che ovviamente dalle parti di Arcore & Dintorni intendano fare sul serio e sempre che il Movimento animalista non sia un semplice ballon d’essai elettoralistico.

Garante dell’operazione ovviamente la Brambilla, in materia molto più credibile di Berlusconi, uno che probabilmente – dati di vendite alla mano dei prodotti per animali non umani – ha trovato appetitoso l’affare e quindi conveniente imbarcarsi nella nuova avventura.

 “Silvio – spiega la Brambilla – ha capito benissimo che da una parte c’è la politica che parla della politica e alla politica. Dall’altra c’è il mondo reale, la vita delle persone, i temi che interessano veramente. Tra questi, senza il minimo dubbio, ci sono i diritti degli animali. Ha presente come può cambiare la vita di una persona se può viaggiare sui treni insieme al proprio animale? Fino a quando non ho fatto l’accordo con le Ferrovie questo non era possibile. Sono conquiste così che avvicinano le persone. Questo nuovo Movimento è trasversale. C’è moltissimo da fare, con il governo Renzi si sono fatti tanti passi indietro. E’ una svolta. Finora ci sono state mobilitazioni, campagne, proteste. Io stessa vengo da una storia così, ho fondato la mia prima associazione quando avevo 13 anni. Ora è il momento di uno sbocco politico, di portare “gente nostra” in Parlamento”.

Amen.