Migranti, si mette male per Salvini. La Procura apre una inchiesta e la Guardia Costiera pronta a collaborare agli sbarchi

Migranti, si mette male per Salvini. La Procura apre una inchiesta e la Guardia Costiera pronta a collaborare agli sbarchi

17 Agosto 2019 0 Di Marino Marquardt

Si mette male per il Signor Ministro dell’Interno, Matteo Salvini. La guerra ai migranti rischia di precipitarLo nella solitudine, nell’isolamento, e rischia di procurarGli Noie Giudiziarie. Il tutto mentre il Capo Religioso della Lega è angosciato dagli eventuali sviluppi del Russiagate e dall’idea di tornare a fare il Capopartito semplice senza più l’appeal dei giorni scorsi. Sembra lontana anni luce la beata allegria accompagnata dai moijto di Milano Marittima tra cubiste leopardate e moto d’acqua. Eppure è passata soltanto poco più una settimana… Scherzi della vita.

Indagine della Magistratura per sequestro di persona e violenza privata

A proposito di Guai in vista. la Procura di Agrigento ha aperto una inchiesta per sequestro di persona e violenza privata sulla base degli esposti dei legali della Open Arms, la nave della Ong spagnola ferma da giorni nelle acque di Lampedusa con a bordo 138 persone raccolte in mare. Rischiano dunque di finire nei guai il Ministro dell’Interno Matteo Salvini  e il Prefetto di Agrigento. Vietando lo sbarco dei migranti, entrambi non hanno ottemperato alle disposizioni del Tar del Lazio. E questa volta il Leader della Lega non potrà avvalersi della solidarietà degli ex Soci di Governo.

Guai in vista – dunque – per il Confuso Signor Ministro che – in merito alle condizioni di salute dei 13 naufraghi fatti sbarcare nelle ultime ore – cerca di fare sponda con il medico di Lampedusa il quale in queste ore ha sostenuto che gli sbarcati versavano in ottime condizioni di salute. Una versione – questa del medico di Lampedusa – in netto contrasto con quelle dei sanitari a bordo.

“Dei 13 naufraghi fatti sbarcare dalla Open Arms soltanto uno aveva una otite, gli altri non avevano alcuna patologia come abbiamo accertato in banchina. Infatti, sono stati tutti condotti nell’hotspot”, dice infatti Francesco Cascio, responsabile del Poliambulatorio di Lampedusa.

E’ scontro anche tra medici, dunque. Con Quello di Lampedusa dai chiari connotati politici…

Una carriera politica alle spalle nel Centrodestra che lo ha portato a presiedere il Parlamento siciliano, Cascio oggi è referente del poliambulatorio sanitario di Lampedusa al posto di Pietro Bartolo, il medico isolano tra i protagonisti del film “Fuocoammare”, eletto tra le fila del Pd al Parlamento europeo.

Cascio a 21 anni era già consigliere comunale della Dc a Palermo, poi l’adesione nel ’94 a Forza Italia, fino a diventare tra i big del partito di Silvio Berlusconi in Sicilia. E’ stato presidente dell’Ars (Assemblea regionale siciliana) dal maggio 2008 al dicembre 2012 e in precedenza anche assessore al Turismo e vice presidente della Regione Siciliana prima di aderire a Ncd e ad Alternativa Popolare di Angelino Alfano.

I suoi trascorsi politici ora fanno avanzare qualche perplessità sulla serenità dei giudizi professionali. Note – peraltro – le recenti simpatie Leghiste…

La Guardiacostiera si smarca dal Viminale

Intanto, nella guerra privata tra l’Autoproclamato Difensore della Patria contro i Terribili Migranti Invasori si inserisce anche la Guardia Costiera dopo i posizionamenti di sei Paesi Europei che hanno comunicato le rispettive disponibilità ad accogliere in quota-parte le persone a bordo della Open Arms.

La Guardia Costiera – che ha il precipuo compito di soccorre le persone in mare – non fa sconti al Signor Ministro. E per Matteo Salvini, Capo del Viminale, nonché Vicepremier e Capo Religioso della Lega, matura l’ennesima figuraccia in materia.

E’ accaduto che la la Guardia Costiera si sia smarcata dal Ministero dell’Interno. Dopo aver ricevuto un nuovo atto stragiudiziale dalla Open Arms con cui si chiede lo sbarco urgente, il Centro di Ricerca e Soccorso di Roma, in una comunicazione inviata al Viminale, scrive che “non vi sono impedimenti di sorta per l’attracco senza indugio a Lampedusa” e chiede una risposta urgente.

Per l’Uomo Forte della Lega si mette male. Tra il fantasma del Russiagate, i mal di pancia dei Suoi e la ritrovata dignità dei Cinquestelle per Salvini si profila un’altra giornata di cazzotti. Ormai è un ammaccato punchball umano e politico. Simile a quelli presenti nei Luna park…

Ps. Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola.

17/08/2019  h.07.50